Logo testata di vicenza

Home Padovano Padova Nord Cadoneghe, videosorveglianza: al via il piano

Cadoneghe, videosorveglianza: al via il piano

Al via a Cadoneghe il piano per la videosorveglianza che vede l’installazione di telecamere a tutti gli accessi del territorio comunale

Cadoneghe videosorveglianza
Cadoneghe videosorveglianza

“Grazie alla collaborazione e ai preziosi suggerimenti dell’Arma dei Carabinieri – spiega il sindaco Marco Schiesaro –, abbiamo messo a punto, insieme alla nostra Polizia Locale, un dettagliato piano per la videosorveglianza nel Comune di Cadoneghe”

Ogni via di accesso al territorio comunale, spiega il primo cittadino, sarà presidiata da un sistema automatico di lettura targhe per tutti i veicoli in entrata e in uscita, in modo da conoscere all’istante, in caso di episodi criminosi, i percorsi compiuti dai malfattori.

Cadoneghe, videosorveglianza: i dati perverrano alla Polizia Locale

“Tutti i dati perverranno, poi, alla centrale operativa della Polizia Locale – prosegue Schiesaro – per essere condivisi e messi in rete con le forze di Polizia. Un allarme automatico scatterà nel caso dovesse transitare un veicolo rubato o che risultasse tra quelli inseriti, per altri motivi, all’interno della ‘blacklist’ dei mezzi ricercati dalle forze dell’ordine.  Oltre al controllo di tutti gli accessi (14 in tutto), verrà disposta la sorveglianza a 360 gradi in 15 zone sensibili del nostro Comune, ciascuna delle quali sarà dotata di 4 telecamere, posizionate presso scuole, asili, campi sportivi, banche, ufficio postale e altri luoghi considerati  a rischio”.

Queste ulteriori 60 telecamere si aggiungono alle 10 già installate nel corso del 2020, e alle 25 precedentemente esistenti, molte delle quali purtroppo obsolete e non funzionanti: tutte saranno restituite all’operatività, portando il numero totale di dispositivi in funzione al di sopra del centinaio.

Nei prossimi due anni il completamento del piano

“Il completamento di questo piano – conclude il sindaco Schiesario – avverrà progressivamente nel corso dei prossimi 24 mesi, mano a mano che disporremo delle risorse necessarie. La sicurezza dei dati dei nostri concittadini sarà naturalmente garantita da un rigido protocollo: nessun grande fratello, ma uno strumento a protezione delle famiglie da chi si aggira con cattive intenzioni nel nostro territorio”. (n.m.)

Le più lette