lunedì, 17 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenetoAttualitàImpianti sciistici, nuovo stop dal Governo

    Impianti sciistici, nuovo stop dal Governo

    Leaderboard

    Prorogata al 5 marzo l’apertura degli impianti sciistici. Zaia: “Poco preavviso, non ci sono parole per descrivere la rabbia, motivata, dei nostri operatori”

    Impianti sciistici chiusi
    Impianti sciistici chiusi

    Niente da fare per gli impianti sciistici: l’apertura è stata nuovamente rimandata, questa volta al 5 marzo. A comunicarlo, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha firmato un provvedimento che vieta lo svolgimento delle attività sciistiche amatoriali fino al 5 marzo 2021, data in cui scadrà il Dpcm del 14 gennaio 2021.

    Tale decisione, oltre a scoraggiare gli appassionati di tutta Italia, fa molto discutere: mette infatti ulteriormente in crisi un settore già profondamente colpito dalla pandemia e fa crollare del tutto le speranze riposte da tutti quei lavoratori del settore, già pronti a riaprire le strutture.

    Le parole di Zaia

    Dure anche le parole del governatore della Regione Veneto, Luca Zaia: “Le Regioni che avrebbero riaperto oggi, Lombardia e Piemonte, hanno saputo del nuovo stop quattro ore, dico quattro ore, prima della riapertura possibile degli impianti. Dietro alla montagna invernale ci sono sì gli impianti di risalita, i grossi operatori. Ma c’è anche una nuvola densa di piccole attività, dalla ristorazione ai maestri di sci, che non è codificata ma è imponente, ci sono gli stagionali. Il danno è colossale – afferma. – A tutte queste persone dici di no il giorno prima? Dopo investimenti particolarmente gravosi, dopo una stagione come quella che è stata? Non ci sono parole per descrivere la rabbia, motivata, dei nostri operatori. E’ una decina di giorni che assistiamo a un crescendo di dichiarazioni da parte di tecnici e scienziati sull’apertura o meno degli impianti. Un maggior anticipo ci poteva stare… Io avevo fatto l’ordinanza proprio per tener fuori il Carnevale, ma il punto è un altro: mi rifiuto di pensare che occorrano i dati del venerdì per decidere che bisogna tenere chiuso il lunedì. Lo dico proprio per il rispetto che porto agli scienziati”.

     

    Leaderboard

    Le più lette