Logo testata di vicenza

Home Rodigino Delta Ca' Venier, l'attività dell'Emporio della solidarietà continua a pieno ritmo

Ca’ Venier, l’attività dell’Emporio della solidarietà continua a pieno ritmo

L’emporio della solidarietà situato in via teatro a Ca Venier è un servizio a favore delle persone in difficoltà. Ad oggi, dopo un anno dall’apertura è un punto di riferimento per la popolazione che viene gestito dall’associazione Solidarietà Delta. Una sorta di supermercato al quale le persone accedono solo con una punti card, attribuita dopo una breve prassi burocratica attivata dalla rete, tra ufficio servizi sociali del Comune di Porto Tolle e centro di ascolto della Caritas.

I servizi offerti dall’Emporio della solidarietà di Ca’ Venier nel corso del lockdown si sono intensificati per l’aumento di nuovo nuclei famigliari in difficoltà. Un luogo dove le persone  dell’unità pastorale di Porto Tolle, Ca’ Venier, Oca, Santa Giulia e quindi delle località del comune di Taglio di Po, si recano, non solo per trovare generi alimentari, ma hanno l’occasione di scambiare due parole con le volontarie che quotidianamente si prodigano per mantenere l’Emporio, un luogo ordinato, pulito e soprattutto accogliente. (continua a leggere dopo la gallery)

 

Doretta Galimberti, Daniela Beltrame,Maria Pia Mancin, Ariella Bordina, Giovanna Pasquali, Isa Tognon,  Karin Franzoso e Antonella Borroni sono solo alcuni nomi delle volontarie  che quotidianamente si dedicano all’allestimento degli scaffali. Responsabile dell’Emporio e vice presidente del sodalizio Antonella Borroni che racconta della notevole mole di lavoro  sia per gli alimenti freschi e  sia per gli alimenti che settimanalmente vengono donati da privati e attività produttive, che poi vengono sistemati nell’immobile un tempo adibito a farmacia e prima ancora a scuola elementare. “Un edificio  ristrutturato grazie all’operato e alla manovalanza gratuita e di inestimabile valore di Marino Grandi” – rende noto Isa Togno.

Emporio della solidarietà: un servizio ora arricchito dal reparto di riviste e libri donati

Tante le storie che le volontarie  raccontano, dalla vicenda di Giovanna Pasquali, diventata volontaria durante la raccolta alimentare realizzata al supermercato Alì di Porto Tolle, al racconto di una signora che non si era mai avvicinata all’emporio della solidarietà per vergogna. Un ostacolo che superò, nel momento in cui la sua famiglia, figlio minore compreso, avevano fame e non sapevano come arrivare a fine mese. “Il servizio pubblico – tiene a sottolineare una delle volontarie – è ora arricchito dal piccolo reparto di riviste e libri donati. Un pretesto per parlare di argomenti che possono cibare la mente, attraverso la cultura o semplicemente  per scambiare informazioni utili per le buone prassi da seguire per un’equilibrata abitudine alimentare quotidiana”.

Per accedere all’emporio basta chiamare il centro di ascolto Caritas allo 3791507522.

Guendalina Ferro

Le più lette