Logo testata di vicenza

Home Padovano Camposampierese Ovest Campodarsego: una targa in ricordo di Giulio Bonetto

Campodarsego: una targa in ricordo di Giulio Bonetto

Una targa in ricordo di Giulio Bonetto, finanziere nato a Campodarsego, una delle tante vittime delle foibe, è stata inaugurata a febbraio nella sede della compagnia della Guardia di Finanza di Cittadella alla presenza delle autorità militari, civili e religiose del territorio.

«In servizio presso la caserma di Campo Marzio di Trieste, venne catturato il 2 maggio 1945, unitamente ad altri commilitoni, da truppe titine e deportato verso ignota destinazione. Da allora non se ne ebbero più notizie». È questo il testo della targa, che commemora il sacrificio del sottobrigadiere Bonetto, scoperta all’interno della sede della Guardia di Finanza il 10 febbraio nel Giorno del Ricordodei martiri delle foibe proprio per tenere viva la memoria umana e storica della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra. Il sottobrigadiere Bonetto è una delle 20 mila vittime accanto ai 300 mila esuli, con lui altri 96 finanzieri nella foiba di Basvizza. (continua a leggere dopo la gallery)

La cerimonia di inaugurazione

La cerimonia di inaugurazione della targa è stata preceduta dall’omaggio in piazza Scalco alla targa che commemora la tragedia. Presenti con il sindaco di Cittadella Luca Pierobon, i colleghi Dario Tardivo di Campo San Martino, Italo Perfetti di Galliera Veneta, Nicola Pettenuzzo di San Giorgio in Bosco e l’assessore alla Cultura di Grantorto Mauro Marcon, il consigliere regionale Giuseppe Pan, Andrea Preden in rappresentanza dell’Unione degli Istriani, il tenente colonnello della Guardia di finanza di Padova Raimondo Galletta, il capitano Giuseppe Taverna, comandante della compagnia cittadina e poi carabinieri, polizia locale e l’arciprete Luca Moretti. Importante la presenza di alcuni degli studenti delle classi terze dell’Istituto comprensivo che hanno partecipato al bando con il quale si richiedeva la realizzazione di prodotti multimediali e ricerche sul tema.

A Bonetto intitolata anche la sezione di Padova

A Giulio Bonetto l’Associazione nazionale dei finanzieri d’Italia aveva intitolato, nel 2003, la propria sezione di Padova in via San Francesco. Per anni non si ebbero notizie del finanziere Bonetto. Sembrava sparito nel nulla, negli archivi e nei carteggi era stato impresso il timbro “disperso”. Nessun pensò mai alle foibe. La verità emerse solo cinquant’anni dopo.

Nicoletta Masetto

Le più lette