Logo testata di vicenza

Home Padovano Conselvano Conselvenuoto, il prezzo del Covid

Conselvenuoto, il prezzo del Covid

Conselve, il prezzo del Covid. Mario Taglia, direttore di Conselvenuoto, attende a bordo piscina e dice: “Confidiamo sulla ripresa”

Mario Taglia, Conselvenuoto

Per piscine e palestre comunali è un lunghissimo lockdown:  “Siamo chiusi da oltre quattro mesi e non c’è all’orizzonte una data di apertura certa”. Mario Taglia, direttore della Conselvenuoto nonché consigliere regionale della Federazione Italiana Nuoto tira le somme dell’effetto Covid. “Non riceviamo alcun contributo eppure negli anni abbiamo investito negli anni oltre un milione e mezzo di euro per lo sviluppo di una struttura che è un punto di riferimento sportivo  zona. Con chiusure e contingentazioni i business plan sono saltati ed abbiamo bisogno di reinventarci per far quadrare i conti e guardare avanti. E’ una situazione complessa”. La stagione 2020 è stata pesante: “Abbiamo lavorato a pieno regime solo un mese e mezzo, a gennaio e metà febbraio, poi abbiamo potuto tenere aperto solo altri 3 mesi al 50%; il fatturato 2020 è calato di oltre il 75%. Le strutture come Conselve – aggiunge Taglia – sono grandi e difficili da gestire, pensate che anche in un mese di chiusura totale le spese di utenze si aggirano sui 10mila euro.  Non incassiamo ma stiamo tenendo in perfetto stato gli impianti”.

Con il Comune di Conselve resta aperto il dialogo

Con l’amministrazione di Conselve il dialogo non manca, osserva il responsabile della piscina, “c’è un costruttivo rapporto di dialogo, sono persone competenti che capiscono le difficoltà  ma anche loro come tutti aspettano conferme dal governo che deve metterli nella condizione di poter aiutare concretamente strutture come le nostre”. Finora i ristori per questo settore sono considerati insufficienti: “Quanto ricevuto ad oggi non ci permette di pagare nemmeno una bolletta in un periodo di chiusura, ci vuole un piano di sostegno alle gestioni serie che molto hanno investito in impianti pubblici. Ad oggi l’unica soluzione è stato un ennesimo indebitamento della nostra società di gestione”.

Ottimismo e speranza per la ripresa

Taglia sottolinea che gli spiragli di ottimismo e di speranza vengono dai clienti e da tutto lo staff. “Ci stiamo preparando con un programma di formazione molto intenso per elevare ancora di più i servizi e farci trovare pronti ad una rivoluzione del modo di fare sport. In questi giorni stiamo avviando l’attività ginnica all’aperto per chi vuole riprendere a fare sport. Intanto la nostra squadra agonistica è stata ospitata da Padovanuoto per tutto il periodo di chiusura per garantire la regolarità degli allenamenti; una grande grazie per avere dato l’opportunità ai nostri atleti di continuare a prepararsi”.

Le più lette