giovedì, 11 Agosto 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaLonigo: i vigili chiudono il bar per un bicchiere d'acqua a un...

    Lonigo: i vigili chiudono il bar per un bicchiere d’acqua a un 90enne, il sindaco lo riapre

    Banner edizioni

    La vicenda ha sollevato un’ondata di indignazione sul web che ha determinato il sindaco a intervenire

    Il bar chiuso ingiustamente dai vigili di Lonigo solleva l’indignazione dei cittadini che si sfogano sul web e provocano una tale protesta da costringere il sindaco a intervenire: così il primo cittadino fa riaprire il locale. È quanto accaduto al bar Pisani a Lonigo, conosciutissimo da tutti. Fino al tardo pmeriggio c’era un cartello affisso fuori, vicino alla saracinesca abbassate: “Cinque giorni di chiusura per un bicchiere d’acqua (di carta) bevuto a sei metri dal bar”. Ecco il bar Pisani chiuso e il cartello che era esposto. 

    La storia che c’è dietro l’ha raccontata il figlio dei titolari, Paolo Andriolo, con un post su Facebook. “Ho appena preso 400 euro di verbale e cinque giorni di chiusura – ha

    Pier Luigi Giacomello, sindaco di Lonigo

    postato sul gruppo Sarai di Lonigo se… – Mio padre ha servito un cliente, di novant’anni, dandogli un bicchiere d’acqua. Vedendo arrivare i vigili, gli ha fatto presente che avrebbe dovuto berlo fuori e lontano dal locale. E così ha fatto: è uscito, s’è seduto su una panchina e ha bevuto.  La polizia è entrata, affermando che quel cliente stava bevendo all’interno del locale. Non sto cercando di fare polemica – aggiunge educatamente – Però delle forze dell’ordine hanno dichiarato il falso e hanno peggiorato la situazione di un’attività già presa di mira per le varie restrizioni. In un paese come Lonigo in cui tutti si conoscono una cosa del genere non è ammissibile. Si tratta di senso civico, di empatia, e sarà brutto da dire anche di un pizzico di pietà”.

    Dopo la pubblicazione del post, c’è stata un’autentica sollevazione popolare in difesa del bar e di condanna del comportamento dei vigili. Al punto tale da convincere il sindaco a intervenire. È lo stesso Paolo Andriolo che su Facebook attorno alle 18 scrive: “Dopo le centinaia di condivisioni, e grazie al supporto di amici, assessori e consiglieri, il sindaco ci ha chiamati dicendo che possiamo tenere aperto”. Evidentemente, al lordo dell’esame del comportamento e di come terminerà il procedimento amministrativo, lo stesso sindaco ha ritenuto ingiustificato ed eccessivo il comportamento dei vigili urbani.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni