venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomePadovanoMontegrotto, abbadono rifiuti: fototrappole per “inchiodare” i furbetti

Montegrotto, abbadono rifiuti: fototrappole per “inchiodare” i furbetti

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Montegrotto dice stop all’abbandono rifiuti, soprattutto in aree periferiche. Presto in funzione le fototrappole per “inchiodare” i furbetti, le telecamere mobili rilevano il momento esatto e inviano l’allarme alla centrale operativa del Comando della Polizia locale.

Fototrappola

Stop agli incivili della spazzatura che a Montegrotto non saranno più tollerati. No a discariche abusive, a maggior ragione in un territorio a vocazione turistica. Entreranno dunque presto in funzione le trappole per i “furbetti dei rifiuti” per contrastare l’abbandono e l’elusione del sistema di raccolta differenziata. Si tratta di occhi elettronici che documenteranno, attraverso foto e video realizzati anche di notte grazie a un sensore di movimento, eventuali violazioni di legge. I dispositivi appena acquistati dall’amministrazione comunale verranno installati, con cartellonistica di avviso, in zone dove si è già rilevata la presenza di discariche abusive e in postazioni attrezzate con cassonetti. Tramite le targhe dei veicoli, la Polizia locale risalirà ai responsabili che saranno sanzionati.

Montegrotto: telecamere dotate di una tecnologia di intelligenza artificiale

“Le telecamere mobili sono dotate di una tecnologia di intelligenza artificiale (Video Analisi) che rileva il momento esatto in cui il rifiuto viene abbandonato nel luogo monitorato e invia un allarme alla centrale operativa del Comando” spiega la comandante della Polizia locale Cristina Moro che ha scelto il kit “e-Killer Flex”, particolarmente innovativo per la sua tecnologia, in grado di ridurre sensibilmente il tempo di ricerca delle immagini.

“I dispositivi sono dotati di Sim dati – spiega la comandante – che consente loro di essere raggiunti da remoto via App o Pc, in questo modo l’operatore potrà visualizzare in tempo reale la scena di abbandono ed estrapolare le immagini interessate attivando da subito il processo sanzionatorio”.

“Con l’acquisto dei kit di videosorveglianza – spiega il sindaco Riccardo Mortandello –  vogliamo dare un messaggio chiaro: non tolleriamo discariche a cielo aperto e chi abbandonerà rifiuti si vedrà recapitare la multa a casa”.

Abbadono rifiuti: un problema soprattutto delle aree periferiche

“Gli abbandoni – spiega la Nivi Spa, società che produce i kit acquistati dall’amministrazione comunale – si verificano spesso in aree periferiche dove, in mancanza dei tradizionali sistemi di videosorveglianza cittadina, si trovano luoghi isolati per potersi liberare di rifiuti ingombranti ma anche pericolosi. Una brutta abitudine che non solo deturpa il decoro del territorio, ma costa. E anche parecchio. Individuare i responsabili degli abusi consentirà al Comune di fare educazione in questo senso e di risparmiare molti soldi per la pulizia e il recupero”.

In ottemperanza alle disposizioni in termini di Privacy regolamentate dal nuovo G.D.P.R. (Regolamento UE 2016/679) il Comando è dotato di cartelli stradali che saranno posizionati in prossimità dei luoghi che verranno monitorati e provvederà ad aggiungere cartelli perimetrali. Il fenomeno dell’abbandono di rifiuti è un fenomeno itinerante, per questo motivo e-Killer Flex è stato pensato per poter essere trasportabile e posizionabile con grande facilità.

Federico Franchin

 
 
 

Le più lette