Logo testata di vicenza

Home Breaking News Ospedale di Piove, Lanzarin: “La sanità veneta ha dimostrato di saper progredire...

Ospedale di Piove, Lanzarin: “La sanità veneta ha dimostrato di saper progredire anche in tempo di pandemia”

Il consigliere regionale Fabrizio Boron: “In questi anni l’Ospedale di Piove ha ricevuto investimenti senza precedenti”

Lanzarin, Ospedale di Piove
Lanzarin, Ospedale di Piove

Ha ringraziato, anche a nome del presidente della Regione Luca Zaia, tutto il personale per l’abnegazione con la quale sta affrontando un momento difficilissimo l’assessore regionale Manuela Lanzarin, durante la cerimonia di inaugurazione, e ha garantito che la programmazione regionale sugli investimenti andrà avanti a prescindere da ogni difficoltà.

“Oggi a Piove di Sacco – ha detto la Lanzarin – c’è la materializzazione di un’impresa: con queste nuove strutture, la sanità veneta ha saputo dimostrare di saper progredire anche in un periodo difficile come la pandemia, che ci sta sottraendo energie e risorse, ma non abbastanza per fermare gli investimenti per migliorare l’assistenza alla gente. Un ospedale del territorio è stato valorizzato con eccellenze reali. La popolazione fragile – ha aggiunto – ci è molto cara – e sono orgogliosa di un servizio raro come l’odontoiatria di Comunità”.

Ospedale di Piove, le parole del consigliere Fabrizio Boron

Sulla questione dell’Ospedale di Piove è intervenuto il consigliere regionale Fabrizio Boron, della lista di maggioranza Zaia Presidente. “Credo sia importante sottolineare – afferma – che l’Ospedale di Piove, negli ultimi anni, ha ricevuto investimenti strategici senza precedenti. Il percorso è stato caratterizzato dall’ascolto delle molte voci del territorio”.

“Ricordo le innumerevoli visite fatte al presidio – continua Boron – per toccare con mano le reali esigenze degli operatori e della struttura, struttura che in questi passati 5 anni ha visto conferme e inaugurazioni: nel 2016 il primariato di Chirurgia generale, Anestesia e Rianimazione; nel 2018, il nuovo Pronto Soccorso che ha comportato un investimento di 2,4 milioni di euro, nel 2019, l’aumento da 25 a 38 dei posti letto per la riabilitazione. Ma anche l’approvazione delle nuove schede ospedaliere, l’aumento delle apicalità, l’aumento dei posti letto, l’ambulatorio oncologico Iov per le visite e la terapia, il mantenimento di Emodinamica e di Ginecologia ostetrica. E poi, la creazione dell’unità dipartimentale di Odontoiatria di comunità, un riferimento per tutto il Veneto, nel 2019 la nuova unità riabilitativa territoriale con 400 mila euro e la nuova risonanza magnetica con adeguamento locali della Radiologia. Nel 2020 i tre nuovi primariati di Urologia, Neurologia e Geriatria, il nuovo Ecografo Multidisciplinare e l’acquisto di un mammografo con tomosintesi”. Ma non solo. “Con la deliberazione n. 85 del 27 gennaio del 2020 intitolata “Programma straordinario di investimenti in sanità – Investimenti in conto capitale per opere di edilizia sanitaria di interesse regionale. Programmazione 2020-2029”- conclude – è stato aggiornato il programma di investimento in edilizia sanitaria, per l’Ospedale di Piove c’è uno stanziamento di 20 milioni di euro”.

Alessandro Abbadir

Le più lette