Logo testata di vicenza

Home Breaking News Rispunta la Romea Commerciale, ma Dolo dice no

Rispunta la Romea Commerciale, ma Dolo dice no

Il Comune di Dolo ribadisce la contrarietà ad un’opera che devasterebbe il territorio: la Romea Commerciale.

Comune di Dolo

“La Lega vuole farci tornare al passato: prima si oppone alla definitiva chiusura di Veneto City, adesso propone la realizzazione della Romea Commerciale”. E’ questa dura la reazione dell’amministrazione comunale dolese alla richiesta della Regione Veneto, ripresa nelle scorse settimane dal consigliere leghista di Cavarzere, Pierfrancesco Munari, di realizzare la Romea Commerciale utilizzando i fondi Europei del Recovery Fund destinati all’Italia.

Una lotta che dura da anni quella contro la Romea Commerciale

“Abbiamo combattuto per anni – spiega la giunta dolese in una nota comune- contro la realizzazione della Romea Commerciale perché avrebbe un impatto devastante per il nostro territorio e in particolar modo per la frazione di Sambruson, che sarebbe tagliata a metà da una superstrada. Negli anni passati abbiamo lavorato al fianco dell’allora Ministro Graziano Delrio per superare l’idea di nuova infrastruttura e per puntare invece, con grande determinazione, sulla messa in sicurezza dell’attuale tracciato: un’impostazione, questa, condivisa e già avviata, tanto che Anas, a breve, farà partire i primi interventi”.

“Pensare oggi – conclude il Comune di Dolo – di riesumare la Romea Commerciale utilizzando i fondi europei destinati al nostro Paese per riformarlo profondamente e non meramente per costruire nuove strade, è – oltre che miope – del tutto scorretto. Noi ribadiamo il nostro no alla alla Romea Commerciale e chiediamo l’accelerazione del piano Delrio di messa in sicurezza. Nel corso del prossimo consiglio comunale presenteremo, in questo senso, un Ordine del Giorno: ci auguriamo sia votato ad unanimità, nella speranza che per tutti sia prioritario pensare agli interessi di Dolo, Sambruson e Arino piuttosto che a quelli del proprio partito”.

Donadel: “Ciclicamente quando si verificano incidenti gravi rispunta il vecchio progetto degli affaristi che voglio cementificare tutto”

Nelle scorse settimane a porre l’accento sul rischio di un ritorno del progetto è stato il Comitato Opzione Zero con il suo presidente Mattia Donadel. Opzione Zero sottolinea come i incidenti sulla statale 309 non possano essere in nessun modo una occasione per poter riesumare il progetto morto e sepolto della Romea Commerciale. “Ciclicamente – spiega Donadel – quando si verificano incidenti gravi rispunta il vecchio progetto degli affaristi che voglio cementificare tutto. Vigileremo affinchè magari con la scusa della ricostruzione e delle opere da fare, la Romea Commerciale non venga rimessa in campo”.

Alessandro Abbadir

Le più lette