giovedì, 11 Agosto 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaVicenza e ripresa economica: "Gli enti locali devono essere progettuali per avere...

    Vicenza e ripresa economica: “Gli enti locali devono essere progettuali per avere i fondi Ue”

    Banner edizioni

    Formazione, tavoli di concertazione, cura delle filiere produttive. Non si può lasciare l’iniziativa solo alle imprese. La politica deve riprendere l’iniziativa

    Consiglio Cisl
    Raffaele Consiglio, segretario generale della Cisl a Vicenza

    Tavoli di concertazione, formazione, cura delle filiere produttive (distretti): sono le tre parole chiave indicate dalla Cisl per uscire dalla crisi causata dalla pandemia. Che cosa significhi in concreto lo spiega Raffaele Consiglio, 55 anni, friulano, da 16 anni a Vicenza e dal 2016 segretario generale della Cisl vicentina, 65mila iscritti, e prima dei metalmeccanici Fim.

    – Qual è la situazione lavorativa?

    “Sta lavorando solo il settore manifatturiero ad esclusione del tessile-moda. Le fabbriche stanno macinando, non si produce brillantemente, ma si lavora. I settori più colpiti invece sono le professioni e il consumo locale, ovvero il commercio e i servizi”.

    – Quindi stanno soffrendo le partite Iva, gli artigiani e i loro dipendenti?

    “C’è una forbice che si è allargata: ovvero c’è chi non ha lavorato per nulla e invece chi ha lavorato molto, non ha speso soldi e quindi ha risparmiato”.

    – Esiste un rischio sociale?

    “Si potrebbero creare delle tensioni sociali e non dobbiamo sottovalutarlo”.

    – Qual è la ricetta per uscirne?

    “La politica deve occuparsi di generare sviluppo: fino ad oggi si è lasciato tutto in mano all’iniziativa imprenditoriale. Oggi le imprese da sole non sono più capaci di creare investimenti e sviluppo. La politica locale deve essere in grado di dare degli indirizzi ben precisi, deve fare delle scelte a medio lungo termine. È un lavoro di programmazione sul piano dello sviluppo sociale ed economico che fino ad ora è spettato a Stato e Regioni, ma che deve rendere partecipi anche gli enti locali”.

    – Cosa vuol dire?

    “Anche Comune e Provincia devono diventare sedi progettuali per accogliere gli investimenti che arriveranno dall’Europa”.

    – Già, ma come?

    “Qui la politica ha grandi responsabilità: ci vogliono collegamenti tra enti locali e enti intermedi per costruire un progetto di sviluppo importante che è assolutamente necessario realizzare. Se la politica non lo riesce a fare allora mi appello alle categorie economiche e alle altre confederazioni sindacali. Assieme dobbiamo riuscire creare aree di sviluppo in provincia a partire dalle filiere. Vanno create realtà consortili per assistere e fare progetti sulle aree di sviluppo industriale locale e provinciale. È dovere di tutti (sindacati, associazioni di categoria, politica locale e regionale…) avere una visione, un progetto. Orientiamo il futuro che ci aspetta, diamoci un metodo assieme. È finita l’epoca delle lamentele verso il Governo o la Regione. Rimbocchiamoci le maniche”. (Francesco Brasco)

     

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni