Logo testata di vicenza

Home Veneto Attualità Covid, Draghi: "Zona gialla dal 26 aprile"

Covid, Draghi: “Zona gialla dal 26 aprile”

Covid. “Anticipiamo la zona gialla al 26 aprile, ma attività all’aperto”. A darne notizia il presidente del consiglio, Mario Draghi, durante la conferenza stampa

Il premier, Mario Draghi, dopo la cabina di regia odierna, in conferenza stampa ha annunciato: “Le decisioni di stamattina sostanzialmente anticipano al 26 aprile l’introduzione della zona gialla, ma introducono un cambiamento rispetto al passato: si dà la precedenza alle attività all’aperto”.

“La precedenza all’attività all’aperto  – ha precisato Draghi –  riguarderà anche la ristorazione, a pranzo e a cena, e le scuole che riaprono in presenza”.

Ecco la roadmap delle riaperture

Con l’introduzione dal 26 aprile della zona gialla rafforzata riaprono scuola, ristorazione, musei, teatri, cinema, spettacoli, eventi sportivi, piscine, palestre, attività sportive, fiere, congressi, stabilimenti termali, parchi tematici.

“L’idea che abbiamo è che dal 15 di maggio possano riaprire le piscine all’aperto, che dal primo di giugno si possano attivare alcune attività connesse alle palestre. Ancora, dal primo di luglio possiamo immaginare attività di natura fieristica. Ci sono fiere particolarmente importanti che ospitiamo nel nostro Paese e già alcune si svolgeranno nel mese di luglio” ha dello il ministro della Salute Roberto Speranza.

Un rischio ragionato

Come ha sottolineato il presidente del Consiglio, il Governo, dunque, ha certamente preso un rischio, anche se si tratta di un rischio ragionato, fondato sui dati in miglioramento. La decisione incontra le aspettative dei cittadini, ma si fonda su una premessa fondamentale, che quei provvedimenti che governano il comportamento nelle attività riaperte siano osservati scrupolosamente.

Il video della conferenza stampa

 

Le più lette