Logo testata di vicenza

Home Padovano Padova “Operazione La Manna” la raccolta e distribuzione di ortofrutta ai bisognosi

“Operazione La Manna” la raccolta e distribuzione di ortofrutta ai bisognosi

L’iniziativa solidale di Maap, Lions Club Padova Certosa e Grossisti per la raccolta e la distribuzione di ortofrutta ai cittadini bisognosi

Presentata questa mattina a Palazzo Moroni,  l’iniziativa di solidarietà battezzata “Operazione La Manna” messa in campo da Maap Mercato agroalimentare di Padova, Lions Club Padova Certosa e Gruppo Grossisti del Maap stesso.

L’obiettivo è andare incontro alle necessità alimentari della famiglie più bisognose, specie in questo periodo di crisi economica causato dalla pandemia da Covid19,  donando loro frutta e verdura fresca  messa a disposizione gratuitamente dai grossisti del Maap, che ricordiamo è uno dei principali mercati agroalimentari italiani.

L’iniziativa è stata presentata oggi, dopo circa 4 mesi di rodaggio:  già in questo primo periodo i risultati raggiunti sono significativi: sono stati infatti raccolti e donati circa 210 q.li di frutta e verdura  distribuiti a circa 15 parrocchie e associazioni  come , ma non solo, le Cucine Popolari e Casa Priscilla, Associazione Sant’Egidio, grazie alle quali sono st ati raggiunte circa 1200/1300 persone bisognose, tra i quali molti anziani soli.

L’obiettivo adesso è di rendere settimanale la raccolta e la distribuzione della frutta e della verdura che viene materialmente gestita da una quindicina di volontari  del Centro Mondo Amico.

Gli interventi dei partecipanti

Alla presentazione ha partecipato il sindaco di Padova Sergio Giordani  che commenta: “ Ringrazio di cuore Maap, Lions Club e tutti i grossisti che hanno ideato e realizzato questa iniziativa. Padova si distingue sempre per solidarietà e questo progetto lo conferma ancora una volta. E’ un momento difficile per tutti quanti per cui donare  a chi è in difficoltà è una cosa di cui essere orgogliosi.

Ci sono persone che sono senza lavoro, che vedono minata la propria dignità, che non sanno come arrivare a fine mese e hanno bisogno anche di questi aiuti alimentari. Tutti, senza polemiche dobbiamo fare la nostra parte per aiutare chi è in difficoltà”

Il presidente del Maap  Maurizio Saia sottolinea: “Grazie al Lions, grazie ai volontari e naturalmente un grazie ai grossisti che sono sempre a disposizione per azioni di solidarietà.  Una solidarietà che anche in precedenza non era mai mancata, ma che con questa operazione viene strutturata dando così una “dignità” alla generosità dei grossisti stessi e delle associazioni che collaborano all’iniziativa coordinate attraverso la Caritas e che viene diffusa in tutte le parrocchie e strutture  che ne fanno richiesta.

La frutta e la verdura che doniamo, lo voglio sottolineare, non è quella avanzata o scartata, ma quella di prima qualità. Ringrazio quindi tutti loro  e come Maap diamo e daremo tutto il sostegno possibile all’operazione”.

Il presidente del Lions Club Padova Certosa Alessandro Dal Bello spiega: “Questa iniziativa è nata durante il precedente lockdown,  nell’aprile dell’ anno scorso. Io oltre che presidente del Lions Club sono uno dei grossisti che opera al Maap e in quelle settimane molte associazioni mi venivano a chiedere della frutta e della verdura da poter donare.  Ho pensato non solo di donarla, ma di coinvolgere anche i colleghi perché ci fosse una raccolta organizzata.

In questo modo sarebbe stato possibile raccogliere e distribuire una maggiore quantità di ortofrutta”

Il presidente del Gruppo Grossiti del Maap  Roberto Boscolo conclude: “Il Gruppo Grossiti del Maap è in prima fila nell’affrontare la pandemia anche assicurando ogni giorno anche nelle settimane di lockdown più duro e con le difficoltà di trasporto e spostamento che c’erano, la fornitura di frutta fresca non solo a tutta la città ma a tutto il nord est.

A maggior ragione adesso  che c’è bisogno di solidarietà ed aiuto per i più fragili, noi ci siamo subito resi disponibili a collaborare con i Lions per questo bel progetto.  Voglio poi ringraziare  il modo della produzione, i contadini, che spesso noi dimentichiamo. Anche loro sono partecipi sia pure indirettamente a questa iniziativa.  Quando il mondo del volontariato, il pubblico e il privato si mettono assieme,  creano sempre qualcosa di buona come dimostra questa iniziativa”.

 

Le più lette