Logo testata di vicenza

Home Veneziano Provinciale Quarto d'Altino, il Centro Anziani diventa centro vaccinale per la popolazione

Quarto d’Altino, il Centro Anziani diventa centro vaccinale per la popolazione

Da sabato 24 aprile il Centro Anziani di Quarto d’Altino (Venezia) diventerà centro vaccinale anti-Covid per la popolazione

Vaccino

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Claudio Grosso ha infatti deliberato la predisposizione e l’utilizzo dei locali di via Matteotti, che saranno affidati ai medici della Medicina di Gruppo Integrata ai quali spetterà la gestione della vaccinazione sul territorio. Un’operazione che nei giorni scorsi ha avuto il nulla osta tecnico da parte dell’azienda Ulss 3 Serenissima (Venezia).

L’attività del centro

Due pomeriggi alla settimana – il mercoledì e il giovedì dalle 15.00 alle 18.00 – durante i quali saranno inoculate fino a 154 dosi (77 dosi a pomeriggio) ai pazienti seguiti dai medici di base della Medicina di Gruppo altinate, i quali convocheranno direttamente i cittadini seguendo gli stessi criteri anagrafici dettati dall’ordinanza del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza. La “prova generale” si terrà sabato 24 aprile, quando è prevista la vaccinazione delle prime 55 persone.

Il sindaco: “Un servizio prioritario”

“Si tratta di un servizio alla cittadinanza che non era un atto dovuto ma che riteniamo prioritario e per il quale ringrazio soprattutto la disponibilità dei nostri medici di base della Medicina di Gruppo Integrata, ma anche quella del circolo anziani che ha accettato immediatamente di cedere i propri spazi e traslocare gli arredi fino a quando si renderà necessario”, dichiara il sindaco di Quarto d’Altino (Venezia), che tiene a ringraziare “ il direttore generale dell’Ulss 3 Edgardo Contato, i volontari della Protezione civile, della Pro Loco e dell’associazione Guardie per l’Ambiente che gestiranno il servizio di vigilanza e controllo, gli uffici comunali, quelle attività come la residenza sanitaria assistita Ca’ dei Fiori, la farmacia Perulli e il Centro medico San Michele che hanno contribuito alla fornitura dei materiali per l’allestimento del centro e non certo da ultima l’assessore Gasparini per essermi stata di grande supporto in questa operazione”.

Le più lette