Notizie
HomeBreaking NewsUlss 3, Chiama e vinci: l'app che combatte la dipendenza da gioco...

Ulss 3, Chiama e vinci: l’app che combatte la dipendenza da gioco d’azzardo

“Chiama e vinci”, una app per interagire con gli specialisti del Serd dell’Ulss 3 (Venezia) e combattere la dipendenza da gioco d’azzardo

Ulss 3, app Chiama e vinci

Una app per prevenire e sostenere i malati, dipendenti da gioco d’azzardo, attraverso un’interazione diretta e immediata con l’équipe del Dipartimento dipendenze dell’Ulss 3 (Venezia). “Chiama e vinci” è già disponibile negli store e consente di interagire, tramite smartphone, direttamente attraverso videochiamate via Skype, chat ed eventi online. L’applicazione è gestita da tutti i referenti dei vari Serd presenti nel distretto dell’Ulss 3 e da un gruppo di professionisti scelti ad hoc per questo disturbo. Si tratta della prima app in assoluto sul gioco d’azzardo che propone, nelle diverse sezioni, vari tipi di intervento di prevenzione al gioco d’azzardo.

Le sezioni “Vuoi parlarne?” e “Fai da te”

Alla sezione “Vuoi parlarne?”, ad esempio, dalle ore 8 alle ore 20 sono disponibili quindi psicologi, psicoterapeuti, assistenti sociali ed educatori del team dipendenze. Sono contattabili via Skype o in chat anonima, oppure via Whatsapp o al numero verde dedicato.

Con il pulsante “Fai da te”, il giocatore invece può verificare autonomamente il suo livello di coinvolgimento con il gioco d’azzardo facendo il test “Canadian problem gambling index”, un questionario autosomministrabile della durata di pochi minuti. Nella stessa sezione sono presenti esercizi pratici per il contenimento della propria dipendenza.

Le altre sezioni dell’app “Chiama e vinci”

Alla voce “Questionario covid”, il paziente può comprendere meglio la natura del proprio comportamento rispetto all’attuale situazione di pandemia dovuta al covid.

Nell’area “Mindfulness” sono presenti video ed esercizi di meditazione contro la dipendenza da gioco.

Sono presenti anche una mappa degli ambulatori, una “Meeting room” per partecipare attivamente agli eventi collettivi che parlano della malattia del gioco e una sezione “Lo sapevi che?”, con risposte e curiosità riguardo alla propria patologia.

Le più lette