Logo testata di vicenza

Home Veneto Attualità Vaccino, Zaia: "In Veneto aperte le prenotazioni per gli over 60"

Vaccino, Zaia: “In Veneto aperte le prenotazioni per gli over 60”

“Aperte le prenotazioni del vaccino per gli over 60”. A darne notizia il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel corso del quotidiano punto stampa covid presso la sede della Protezione civile di Marghera

Zaia

“Pur lasciando sempre aperte le agende agli over 70, e quindi anche gli over 80, da giovedì si vaccineranno anche gli over 60. Dalle 14:00 di oggi presso qualsiasi Ulss della Regione del Veneto chi ha più di 60 anni si può prenotare”. Così Luca Zaia durante la conferenza stampa di oggi.

Un terzo dei veneti già vaccinato, ma over 70 a rilento

In Veneto, secondo i dati presentati dal governatore, le vaccinazioni già effettuate sono un milione e mezzo, circa un terzo della popolazione veneta.  Tuttavia, ha sottolineato Zaia, “la somministrazione del vaccino agli over 70 procede un po’ a rilento nella gran parte delle Ulss”. Poi l’invito a prenotarsi “potete farlo anche da casa, in farmacia o anche dai carabinieri” – ha detto. Per il presidente, il ritardo dipende “in gran parte dal dibattito su Astrazeneca, che ha pesato molto su questa fascia di età”, ma è convito che “alla fine arriveremo al 70% di vaccinati tra gli over 70”.

Zaia: “Obiettivo massimo vaccinare over 50 prima dell’estate”

Zaia ha anticipato che l’obiettivo massimo sarebbe vaccinare tutti gli over 50 già prima dell’estate, un bel traguardo per cui la Regione sta già correndo con le somministrazioni.

Il punto sulla riapertura delle scuole

Infine, sul nodo scuole il presidente del Veneto ha assicurato: “Oggi siamo passati dal 50 al 70% in presenza per le superiori. E, a parte un paio di criticità subito risolte, non mi sono state segnalate dalla vicepresidente Elisa De Berti problemi”. “I ragazzi sono quelli più sotto pressione per eventuale assembramento, per i viaggi e quindi dico loro ‘fate attenzione’ – ha concluso Zaia – clinicamente non rappresentano un’evidenza importante per l’ospedalizzazione, ma possono diventare vettori per i loro parenti, in famiglia”.

Le più lette