Logo testata di vicenza

Home Breaking News Albignasego, stanziato un fondo di 450mila euro per il sostegno alle famiglie

Albignasego, stanziato un fondo di 450mila euro per il sostegno alle famiglie

I contributi, legati all’emergenza Covid, saranno utilizzati per centri estivi, aiuti economici alle famiglie in difficoltà e supporto psicologico per minori di Albignasego

Albignasego

La Giunta comunale di Albignasego ha stanziato un fondo di 450 mila euro, legato all’emergenza Covid, che sarà utilizzato per abbassare le tariffe dei centri estivi, per concreti aiuti economici alle famiglie in difficoltà e per il nuovo servizio di supporto psicologico dedicato ai minori.

La ripartizione dei fondi

All’interno dell’ingente stanziamento appena approvato, 150mila euro saranno utilizzati per ridurre le rette a tutte le famiglie residenti che iscriveranno i propri figli ai Centri estivi della Città: un modo per incentivare l’iscrizione di bambini e ragazzi, così da far riprendere loro la socialità interrotta dalla pandemia e praticare attività all’aria aperta.«Bambini e ragazzi hanno sofferto particolarmente in questo lungo anno per l’isolamento e la mancanza di socialità» dichiara il sindaco Filippo Giacinti, «pertanto è importante per loro tornare a giocare, imparare, chiacchierare con i loro coetanei. La nostra Amministrazione ha pensato quindi di intervenire per ridurre le tariffe di frequenza e offrire al maggior numero di famiglie possibili l’opportunità di iscrivere i propri figli alle attività dei Centri estivi. Le società sportive, associazioni, parrocchie e centri infanzia che intendessero attivare i Centri estivi potranno partecipare ad un bando (che sarà pubblicato in questi giorni) presentando una proposta di retta settimanale o mensile e un progetto che comprenda le attività da proporre. Sarà l’Amministrazione comunale, vagliate le proposte e la congruità delle rette, a garantire uno sconto di metà della tariffa di frequenza alle famiglie, sino a un massimo di 40 euro alla settimana».

Le proposte estive del Comune di Albignasego

Questa iniziativa va a sommarsi alle altre proposte estive dedicate ai bambini e ai ragazzi, quali ad esempio il progetto per gli adolescenti “Ci sto…affare fatica!”, il cui bando di partecipazione sarà pubblicato ai primi di giugno per poi avviare le attività nel mese di luglio. Per questo progetto sono stati stanziati complessivamente 35 mila euro. Tra le proposte estive, poi, bambini e ragazzi potranno scegliere le attività motorie all’aperto di “Sportivando nei parchi” (il bando dedicato alle associazioni e società sportive che intendano partecipare è stato pubblicato in questi giorni) e i laboratori didattici, che saranno avviati dall’Istituto comprensivo di Albignasego nei mesi di giugno e luglio. Ricompreso nella medesima variazione di bilancio c’è anche lo stanziamento di 160 mila euro destinato al supporto delle famiglie in difficoltà per la riduzione delle entrate economiche causata dal Covid. «Questa cifra va a sommarsi ai 40 mila euro già stanziati» prosegue il sindaco Giacinti «e sarà utilizzata per supportare le persone in difficoltà economica nel pagamento di affitti e rate dei mutui, per le spese delle utenze domestiche e sanitarie, per l’acquisto di generi di prima necessità e anche per il pagamento dell’intera retta di frequenza dei figli ai Centri estivi». I requisiti e il modulo per partecipare al bando di assegnazione saranno pubblicati nei prossimi giorni. Il Comune ha stanziato inoltre le risorse da destinare come ristoro alle scuole dell’infanzia, ai nidi integrati e ai micronidi e al nido comunale per l’esenzione applicata a tutte le famiglie dal pagamento della retta nel mese di marzo, durante il quale le scuole sono rimaste chiuse.

Il progetto di supporto piscologico dedicato ai minori

Infine, tra le iniziative dirette ai minori, sarà attivato un progetto di supporto psicologico, grazie allo stanziamento di 20 mila euro appena approvato: individuati uno o più professionisti, questi avranno il compito di intervenire ad ascoltare e ad aiutare bambini e ragazzi in difficoltà psicologica, segnalati ai Servizi sociali.

Le più lette