Logo testata di vicenza

Home Padovano Brugine: il Comune stanzia 15mila euro per le microimprese 

Brugine: il Comune stanzia 15mila euro per le microimprese 

Stanziati 15mila euro per le microimprese di Brugine: al via sostegni per bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie, parrucchieri, centri estetici, attività di piercing e tatuaggi

Bar
Bar

Il Comune ha stanziato 15mila euro in contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche maggiormente penalizzate dalle misure nazionali adottate per il contenimento dell’emergenza Covid. Potranno beneficiarne le microimprese di Brugine che operano nei settori del commercio al dettaglio in sede fissa, dei servizi alla persona e della somministrazione di alimenti e bevande. In altre parole bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie, parrucchieri, centri estetici, attività di piercing e tatuaggi. 

Brugine per le microimprese: 15mila euro alle attività in crisi

“Con questo contributo vogliamo fornire un sostegno economico a copertura dei costi fissi, quali affitti e utenze, sostenute dalle microimprese che operano a Brugine la cui attività, durante l’emergenza, è stata sospesa per effetto dei provvedimenti del Governo o della Regione – spiega il sindaco Michele Giraldo – ma anche a sostegno delle spese straordinarie affrontate dagli operatori economici al momento della riapertura come l’acquisto di dispositivi di protezione individuale ad uso del personale, la sanificazione degli ambienti di lavoro, le spese per l’attrezzatura e per l’adeguamento dei locali al contingentamento degli accessi”.

Brugine: fino a 1000 euro per le attività in difficoltà

Il contributo a fondo perduto, fino ad un massimo di mille euro ad attività, è cumulabile con le altre misure contributive e agevolazioni emanate a livello nazionale e regionale per fronteggiare l’attuale crisi dovuta all’emergenza sanitaria.I Tra i criteri di valutazione: il tempo di chiusura dell’attività; le limitazioni orarie imposte dai Dpcm e la perdita di fatturato rispetto al 2019. Bando sul sito www.comune.brugine.pd.it.

Le più lette