Logo testata di vicenza

Home Vicenza I veneti in pista ne hanno fatte vedere di tutti i colori

I veneti in pista ne hanno fatte vedere di tutti i colori

Nel meeting veneto di atletica ieri a Vicenza abbiamo visto tre ragazzi originari di altri continenti tra i primi sei nei 100 metri piani: perché due di loro sono considerati stranieri?

Atletica 100 mt piani Vicenza
ph Atl-Eticamente

La vedete questa foto? Ebbene si tratta della batteria con i migliori risultati sui 100 metri piani registrata nella manifestazione regionale di atletica di ieri valida per le qualificazioni nazionali e internazionali. Gare outdoor che si sono tenute al campo Perraro di via Rosmini a Vicenza.

Ha vinto il ragazzo a sinistra Abdoullatif Compaore, 21 anni, con un tempo di 10 secondi e 89 centesimi, che è originario del Burkina Faso e corre con Assindustria Sport di Padova.

Secondo il giovanotto al centro con la maglia di Atletica Vicentina coetaneo di Compaore, si chiama Stefano Twumas Quarshie, lui è italiano.

Terzo Alessio Faggin, non ancora 18enne, che non è in foto (era nella corsia più esterna e il fotografo di Atl-Eticamente non l’ha ripreso) e corre per le Fiamme Oro di Padova.

Quarto il ragazzo a destra della foto:  Ling Wei Lei, 20 anni originario della Cina che corre come Compaore per la squadra sponsorizzata da Assindustria Padova.

Ebbene questa è la generazione dei nuovi veneti: uno indigeno (Faggin) e gli altri tre (quelli in foto) originari di altri continenti.

Hanno studiato tutti in Italia, parlano l’italiano e come minimo capiscono il veneto (l’hanno imparato dai loro compagni di scuola “indigeni”). Vivono in Veneto: possibile che due di loro vengano considerati ancora stranieri?

Guardate come lo sport, che significa allenamento, sacrificio, disciplina, rispetto per l’avversario …, li renda tutti uguali! (FB)

Le più lette