Logo testata di vicenza

Home Rodigino Provinciale Rovigo, Consorzio Promozione Sviluppo Delta del Po: "Al lavoro per un’estate sicura”

Rovigo, Consorzio Promozione Sviluppo Delta del Po: “Al lavoro per un’estate sicura”

L’intervista a Michele Ghezzo, presidente del Consorzio Promozione Sviluppo Delta del Po (Rovigo), che annuncia: “Al lavoro per un’estate sicura”

Michele Ghezzo, foto di repertorio (pre emergenza Covid)

Michele Ghezzo, presidente del Consorzio Promozione Sviluppo Delta del Po, racconta quelle che sono le speranze, in ottica estiva, quando ancora tutta l’Italia si trova a dover fare i conti con numerose ristrettezze dovute alla pandemia in atto.

Presidente, quali sono le prospettive per l’imminente stagione estiva?

“In un periodo così particolare è difficile fare previsioni. Gli ospiti veneti stanno apprezzando ogni anno di più la nostra località, e anche per questa estate le prenotazioni continuano ad arrivare, soprattutto per i mesi di luglio e agosto. Per quello che riguarda giugno molto dipenderà dalle limitazioni e restrizioni. Una vera e grande sorpresa è rappresentata dal mese di settembre, che è sempre stata appannaggio del mercato tedesco, ma che negli ultimi anni ha avuto un maggiore apprezzamento anche per il mercato italiano”.

Come stanno preparandosi gli operatori balneari delle spiagge del Delta del Po?

“Tutte le attività stanno facendo del loro meglio per poter accogliere gli ospiti nel modo migliore per la prossima estate, forti degli insegnamenti avuti l’estate scorsa. Posso dire con certezza che saremo in grado di garantire misure e condizioni adeguate alle necessità di tutti i turisti”.

Al riguardo, come vi state attrezzando?

“Siamo impegnati in percorsi di formazione e abbiamo attivato una rete di collaborazione tra gli operatori, per poter creare una filiera che possa garantire un servizio migliore, con standard condivisi in tutte le località marittime deltizie. Inoltre, stiamo facendo un percorso con i portatori di interesse e le amministrazioni comunali, che ci porterà ad avere una reale percezione di un’unica destinazione, da poter fare su tutto il vasto territorio del Delta del Po”.

Che cosa vi aspettate di diverso, rispetto all’anno scorso?

“Ci aspettiamo più consapevolezza, da parte degli operatori e degli ospiti, circa il difficile momento che stiamo vivendo. Siamo consapevoli di svolgere il lavoro più bello del mondo, ossia l’accoglienza, che sia sotto l’ombrellone, o nel servire un piatto al ristorante oppure nell’ospitare un cliente in hotel. Per questo, tutti quanti, ci stiamo impegnando per offrire una vacanza serena e in totale sicurezza”.

Marco Scarazzatti

Le più lette