Logo testata di vicenza

Home Veneto Attualità Turismo in Veneto, Zaia: "Boom di prenotazioni, recuperiamo due anni in uno"

Turismo in Veneto, Zaia: “Boom di prenotazioni, recuperiamo due anni in uno”

Turismo. “Boom di prenotazioni in Veneto, potremmo anche recuperare, non un solo anno, ma due anni in uno”. Così, il presidente del Veneto, Luca Zaia, durante la conferenza stampa di aggiornamento sull’andamento epidemiologico.

Luca Zaia
Luca Zaia

Il Veneto anche quest’anno la fa da padrone: è boom di prenotazioni. Un grande ripartenza per quella che è “è la prima regione turistica d’Italia con 72milioni di presenze di turisti, il 67% dei quali stranieri e 18 miliardi di fatturato” – ricorda Zaia. Questo è ciò che emerge dalle parole del governatore Luca Zaia che, durante il consueto appuntamento con la stampa, ha affermato: “Le prenotazioni per le vacanze in Veneto sono in grande accelerazione, potremmo anche recuperare, non uno, ma due anni in uno, nonostante il coprifuoco. Le prenotazioni arrivano da tanti turisti italiani ed esteri, ai quali, lo ribadisco, daremo la disponibilità di fare la seconda dose del vaccino”.

Vaccino ai turisti

Un aspetto ancora da definire, quello del vaccino ai turisti, ma che il presidente della Regione Veneto considera “un atto di cortesia per gli ospiti che scelgono il Veneto”. “La seconda dose  – precisa – verrà certificata e poi potrà essere registrata nella propria residenza”.

I richiami

Poi, una parentesi sui richiami per il resto della popolazione.”Penso – ha detto Zaia – che a 9 mesi tutti dovranno fare un richiamo, perché questo diventerà un virus per il quale continueremo a fare il vaccino proprio come avviene per l’anti-influenzale”.

Zaia: “Se il Veneto mantiene i parametri attuali, dal 7 giugno via il coprifuoco”

Infine, il governatore è tornato sull’ipotesi della zona bianca, rispondendo alle domande dei giornalisti. “Se il Veneto mantiene i parametri attuali, il 7 giugno, con la zona bianca, il coprifuoco sparisce. Da noi, quindi, sparirebbe due settimane prima rispetto a quanto previsto dal decreto. Uso il condizionale, perché bisogna arrivarci sani al 7 giugno” – ha fatto sapere.

Le più lette