Logo testata di vicenza

HomeRodiginoAdriaAdria, teatro comunale: comodato d'uso gratuito per il Circolo del Cinema "Carlo...

Adria, teatro comunale: comodato d’uso gratuito per il Circolo del Cinema “Carlo Mazzacurati”

Nuova vita agli spazi comunali. L’associazione potrà usufruire del comodato d’uso gratuito per tre sale del teatro comunale di Adria, grazie all’accordo con il Comune

Adria. L’accordo tra Comune e Circolo del Cinema

Nella conferenza stampa di lunedì 7 giugno il sindaco Omar Barbierato, affiancato dall’assessore Andrea Micheletti, ha annunciato la riuscita dell’accordo tra il Comune e il Circolo del Cinema “Carlo Mazzacurati” per il comodato d’uso gratuito degli spazi del teatro comunale. La storica associazione potrà dunque usufruire delle tre sale, messe a disposizione dal Comune, senza oneri.

Un importante traguardo per Adria

Per Barbierato questo accordo rappresenta «un ulteriore e significativo tassello nel progetto portato avanti dalla giunta, che punta da sempre alla valorizzazione dei beni comuni». Anche la vicepresidente dell’associazione, Emanuela Finesso, si dice «orgogliosa per il traguardo raggiunto, che permette di dare nuova vita a quei locali, da tempo inutilizzati».

«Questa estate – prosegue Finesso – tutti i mercoledì, dal 30 giugno al 1 settembre, proporremo l’ormai tradizionale“Cinema sotto le stelle”, conla proiezione di 10 film presso i Giardini Zen. Ma, grazie a questo accordo, saremo in grado di offrire anche una rassegna invernale, con la riproduzione di 3 film per bambini durante il periodo Natalizio».

Gli altri progetti del circolo del Cinema

L’Associazione, nel frattempo, guarda anche al Polesine Digital Memory, un progetto ideato dal Circolo del Cinema stesso, sostenuto dalla Fondazione Cariparo della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e cofinanziato dai Cantieri Navali Vittoria. « scelto tra più di 136 proposte – spiega Marino Beltramini, prevede la digitalizzazione di vecchi materiali di videocassette o DvD, attraverso una conversione agli standard digitali moderni; un modo per recuperare ricordi, eventi ed emozioni altrimenti perduti».

La raccolta del materiale avverrà attraverso la rete delle biblioteche comunali di tutta la provincia di Rovigo. Per partecipare, sarà sufficiente consegnare il materiale e ritirarlo successivamente digitalizzato.

L’iniziativa

L’iniziativa, sostenuta anche da Home Movies Bologna, ha inoltre suscitato l’interesse del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova per l’originalità dimostrata. «Siamo molto orgogliosi – continua Beltramini – che un progetto nato da una piccola associazione abbia suscitato tanto entusiasmo. Adesso, grazie alle stanze poste a disposizione dal Comune, il Circolo potrà allestire il laboratorio e procedere, nei prossimi mesi, all’avvio del progetto».

Le più lette