Logo testata di vicenza

Home Veneziano Cavarzere Cavarzere e Cona, Sp8 pericolosa: Pasquali chiede un provvedimento d'urgenza

Cavarzere e Cona, Sp8 pericolosa: Pasquali chiede un provvedimento d’urgenza

Il consigliere comunale Emanuele Pasquali segnala la pericolosità della Sp8 nei territori di Cavarzere e Cona e chiede un provvedimento d’urgenza alla Città Metropolitana di Venezia e ai sindaci

Emanuele Pasquali

Al centro della richiesta di intervento di Pasquali, la seconda a distanza di meno di un anno, vi è la sistemazione del tratto della Sp8 che va dalla frazione di Boscochiaro (Comune di Cavarzere) alla frazione di Cantarana (Comune di Cona).

Sp8: i problemi del tratto Cavarzere-Cona

“La situazione del manto stradale è da paura. Gli avvallamenti che si sono creati e i dislivelli su alcuni ponti e tubazioni sottostanti stanno creando un serio pericolo per la circolazione di auto e ancora più per i motocicli e gli stessi ciclisti. Inoltre, il tratto di strada manca di guard-rail nei punti pericolosi e dei delineatori di margine in tutto il percorso dall’inizio alla fine della provinciale. Tuttavia, l’unico provvedimento che è stato istituito nel 2020 è limite di percorribilità pari a 50 km/h” spiega Emanuele Pasquali.

La richiesta di Pasquali

“Visto che attualmente sono in corso i lavori di asfaltatura delle provinciali 85 e 4, nei tratti che da Delfina vanno verso San Pietro di Cavarzere lungo il fiume Corcione, chiedo di inserire la Sp8 in un provvedimento di urgenza e almeno provvedere alla pavimentazione dei tratti più pericolosi” aggiunge il consigliere.

Pasquali: “Non è una strada di serie B”

“La strada – si affretta a precisare – non è un’arteria di serie B e gli utenti che sono costretti a percorrerla non sono da meno rispetto alle arterie del Nord della provincia di Venezia. La stessa è diventato uno dei collegamenti preferiti per coloro che arrivano da Padova e dalla Monselice-mare e sono diretti a Isola Verde, Rosolina e ai Lidi Ferraresi per via degli inconvenienti sul ponte del Brenta (Romea s.s. 309)”.

Il consigliere aveva già trasmesso una prima richiesta di intervento lo scorso 29 settembre, non ricevendo però alcuna risposta formale alla segnalazione.

Le più lette