Logo testata di vicenza

HomeVicenzaInciampa, si fa male e fa causa al sindaco: il primo cittadino...

Inciampa, si fa male e fa causa al sindaco: il primo cittadino esasperato vuole dimettersi

Succede nell’hinterland di Vicenza a Quinto Vicentino: il sindaco Renzo Segato va un po’ in vacanza per ripensarci

renzo segato
Renzo Segato in una foto goliardica: un suo sostenitore e amico gli fa uno scherzo “indicandolo” con una maglietta scherzosa

La sindaca di Crema, Stefania Bonaldi, due giorni fa è stata raggiunta da un avviso di garanzia perché un bimbo all’asilo si è ferito ad un dito con una porta non a norma con l’antinfortunistica scolastica. E con lei hanno solidarizzato diversi primi cittadini tra cui il Sindaco di Milano Sala, quello di Pesaro Matteo Ricci, quello di Bergamo Giorgio Gori, per dirne alcuni.

E la sindaca Bonaldi è in buona compagnia, perché di recente il sindaco di Quinto Vicentino Renzo Segato (PD) è stato oggetto di un provvedimento giudiziario: una signora anziana è inciampata in strada e si è fatta seriamente male. La colpa di chi è? a quanto pare secondo la legge anche del Sindaco in persona. E significa spendere risorse per difendersi con un buon avvocato, dover affrontare processi; insomma gran perdite di tempo e danaro e se va male c’è anche il rischio di intaccare la fedina penale…

Ma se in strada c’era un sampietrino leggermente spostato che non è nella sua sede originaria, è colpa del sindaco se qualcuno inciampa e poi si fa male?

Sono incredibilmente infiniti i rischi che corrono i primi cittadini anche di un comune piccolo come Quinto: 5800 abitanti nell’hinterland di Vicenza.

Segato avrebbe confidato ad alcuni amici di essere esasperato da una serie di complicazioni che mettono a repentaglio il suo quieto vivere e che rischiano di intaccare il suo patrimonio personale.

Tanto esasperato da aver pensato seriamente alle dimissioni.

Il Primo cittadino nel frattempo è partito per una vacanza dopo gli impegni continui di quest’annata caratterizzata dal Covid-19 che a Quinto ha portato anche un’altra tegola: l’annunciata chiusura di Forall, storica azienda tessile che impiega 400 persone in gran parte del paese e dei centri limitrofi: una sciagura per Quinto e per il suo tessuto economico e sociale.

Le più lette