Logo testata di vicenza

HomeVicenzaIncidenti sul lavoro - La Cgil con Fiom e Fillea di Vicenza:...

Incidenti sul lavoro – La Cgil con Fiom e Fillea di Vicenza: “Ora basta è emergenza sociale”

Cgil, Fiom e Fillea di Vicenza intervengono dopo i due gravissimi incidenti sul lavoro: “Anche nella ripartenza va garantita la sicurezza nei luoghi di lavoro”.

incidente a Cassola in fabbrica metalmeccanica
L’intervento dei vigili del fuoco dopo l’incidente di oggi a Cassola nella ditta metalmeccanica di via Boda

Due incidenti gravi in due giorni. “Dopo i gravissimi infortuni sul lavoro avvenuti nel vicentino, in un cantiere edile ad Isola Vicentina ed in un’azienda metalmeccanica a Cassola, appare sempre più chiaro che non c’è tempo”. Inizia così la nota siglata dai sindacalisti della Cgil di Vicenza: Giampaolo Zanni (Segr. Gen CGIL Vicenza), Morgan Prebianca (Segr. Gen. FIOM CGIL Vicenza), Luca Rossi (Segr. Gen. FILLEA CGIL Vicenza).

“E’ ora di intraprendere, senza alcuna indecisione, una serie di azioni certe sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro – sottolineano Zanni, Prebianca e Rossi -. Ancora di più in questo momento poiché la ripartenza del Paese, dopo più di un anno segnato dal Covid, significherà inevitabilmente un ulteriore aumento degli infortuni sul lavoro e, purtroppo, anche dei morti sul posto di lavoro”.

“I due infortuni si sono verificati in due comparti che segnalano una forte ripresa – spiegano i sindacalisti -, favorita dai superbonus messi in campo dal Governo e dagli investimenti collegati agli aiuti dell’Unione Europea. Ma non è più ora di esprimere vicinanza alle famiglie dei lavoratori o lanciare semplici appelli al rispetto delle norme per garantire la sicurezza”.

“Già da subito è necessario agire a livello provinciale, regionale e nazionale – continuano i massimi rappresentanti vicentini di Cgil, Fiom e Fillea -. Solo così potremmo ridurre gli infortuni, le malattie ed i morti”.

AL PREFETTO: ISTITUISCA LA COMMISSIONE PERMANENTE PROMESSA

“A livello provinciale chiediamo al Prefetto che venga convocata al più presto, come promesso, la Conferenza Permanente, costituita appositamente, per intervenire su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Temi che, nella nostra provincia, costituiscono una vera emergenza sociale”.

 

ALLA REGIONE VENETO: RAFFORZARE CON PERSONALE GLI SPISAL

“A livello regionale non è più rinviabile un forte investimento negli SPISAL – insistono Zanni, Prebianca e Rossi -. Sono necessari personale, risorse e nuove strumentazioni per permettere attività di controllo e, soprattutto, di prevenzione. A livello nazionale il Governo deve accogliere la richiesta di CGIL CISL UIL di costruire un “patto per la salute e la sicurezza” che affronti la formazione, la patente a punti per le aziende, l’inserimento di questi argomenti nei programmi scolastici”.

 

FARE RICERCA PER LA SICUREZZA CON INAIL E UNIVERSITA’

“E poi ancora – scrivono nella nota i sindacalisti della Cgil vicentina – l’utilizzo di risorse Inail per la ricerca tecnologica a favore della sicurezza, le ispezioni nei luoghi di lavoro, la presenza degli rappresentanti dei lavoratori sulla sicurezza sia in azienda che nel territorio, la vigilanza di salute e sicurezza negli appalti e sub-appalti con la responsabilità dei committenti”.

 

SINDACATI VICENTINI PRONTI ALLA MOBILITAZIONE

“Se necessario siamo pronti alla mobilitazione per sostenere queste nostre richieste”: una conclusione che non lascia margine di dubbio sulle richieste dei lavoratori nel campo della sicurezza e della salute sui posti di lavoro.

 

Le più lette