domenica, 14 Aprile 2024
HomeVicentinoVicenza"Infernus" in Basilica, apre la mostra dei 33 violini dipinti con le...

“Infernus” in Basilica, apre la mostra dei 33 violini dipinti con le scene dalla Commedia di Dante

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’artista Leonardo Frigo ha trasformato i 33 canti nelle scene dipinte sugli strumenti musicali

L’artista Leonardo Frigo illustra il suo lavoro: presente il presdente di Aim, Vivian, il sindaco Rucco e l’assessore alla Cultura, Siotto

La Basilica Palladiana riapre i battenti dopo la pandemia con una mostra dedicata a Dante Alighieri. Strumenti musicali, pittura a china e la Commedia: ecco cosa troveranno i visitatori di “Infernus” sotto la volta palladiana. Dal 26 giugno fino al 31 agosto sarà possibile ammirare i 33 violini e il violoncello dipinti da Leonardo Frigo, artista asiaghese ventottenne residente a Londra dal 2016.

Organizzata da Tecnè con il patrocinio del Comune di Vicenza e il sostegno di Agsm-Aim, la rassegna presenta i 33 canti dell’Inferno dantesco dipinti su altrettanti violini. Il violoncello apre l’esposizione illustrando il primo canto della Divina Commedia con i riferimenti all’illustre poeta e all’universo come Dante lo immaginava.

L’autore dell’esposizione si è detto emozionato perché il suo lavoro è esposto per la prima volta all’interno di uno dei maggiori monumenti di Vicenza. “La Basilica è uno spazio ideale per un’installazione – ha commentato Gianfranco Ferlisi, curatore della mostra – che si adatta perfettamente a questo tipo di arte contemporanea”.

L’idea di un omaggio a Dante risale a cinque anni fa e nasce da quattro parole che Frizzo scrive su un foglio: progetto, Dante, Inferno, 2021. L’occasione di celebrare il poeta attraverso la sua arte è stata irrinunciabile per l’asiaghese. L’ammirazione che l’artista nutre da sempre nei confronti di Dante lo ha motivato nella realizzazione della sua idea. “Un anno e mezzo fa nessuno credeva nel mio progetto”, sottolinea Frigo.

L’epilogo di questa impresa è una grande dimostrazione della forza delle idee: tant’è che la sua parola preferita, spiega, è perseveranza. “La collezione dei violini sarà destinata a viaggiare poi in altre città italiane ed europee” ha sottolineato il sindaco Francesco Rucco presentando la mostra. La prossima tappa dell’esposizione sarà infatti palazzo Vecchio a Firenze. Della mostra e del futuro della collezione ha parlato anche assessore alla cultura Simona Siotto: “La Basilica con Infernus diventa uno spazio che abbraccia la cultura italiana e che rende omaggio a colui che è considerato un autore universale” ha sottolineato l’assessore, augurando inoltre a Leonardo Frigo di poter mostrare anche all’estero il suo lavoro. (Roberto Meneghini)