Logo testata di vicenza

Home Rodigino Rovigo, Zaia in visita all'ospedale Santa Maria della Misericordia

Rovigo, Zaia in visita all’ospedale Santa Maria della Misericordia

L’ospedale Santa Maria della Misericordia (Rovigo) si arricchisce con due nuovi macchinari e una nuova sala operatoria.

Questa mattina, alla presenza del presidente della Regione, Luca Zaia, sono stati inaugurati un acceleratore lineare, una sala operatoria ibrida e un angiografo digitale.

Zaia all’ospedale di Rovigo

Prima della visita del governatore leghista, avvenuta assieme al direttore generale dell’Ulss 5 Polesana, Patrizia Simionato, del sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo, del presidente della Provincia, Ivan Dall’Ara, del vescovo Pierantonio Pavanello, del presidente regionale dell’Ordine dei Medici, Francesco Noce, dell’assessore regionale Cristiano Corazzari, e a tante altre autorità intervenute, c’è stata la presentazione all’auditorium dell’ospedale. Qui è stato rimarcato il fatto che le due importanti novità tecnologiche hanno comportato un investimento complessivo di oltre 5 milioni di euro.

Zaia e Simionato ringraziano chi ha contribuito alle nuove opere

Il Presidente Luca Zaia e il Direttore Generale Patrizia Simionato hanno insieme ringraziato “Tutti i collaboratori che hanno contribuito alla realizzazione di queste nuove opere, la Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo per la sua immancabile generosità verso il mondo sanitario e della ricerca scientifica, la partecipazione affettuosa del Vescovo, Monsignor Antonio Pavanello, oggi accanto a noi insieme al Sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo”.

Un’inaugurazione che sa di rinascita

Zaia e Simionato all’inaugurazione

“L’inaugurazione di oggi, sia un segno di crescita nella centralità dei pazienti e un simbolo di ripresa e rinascita, verso un nuovo cammino dopo mesi così dolorosi e cupi – afferma il Direttore Generale Patrizia Simionato – emergono in questi giorni segnali importanti che incoraggiano una speranza concreta che va rafforzata. Il semplice ma suggestivo rituale taglio del nastro, per le nuove apparecchiature, vuole rappresentare una spinta verso la ricostruzione e la ripartenza”.

Zaia: “Da lunedì è possibile vaccinarsi con il Johnson&Johnson senza prenotazione”

“Una volta l’ospedalizzazione era di sei giorni, ma non era certo migliore e perfomante come quella attuale – ha evidenziato Zaia – Anche se una parte della popolazione pensa ancora che la sanità sia forte solamente in presenza di ospedali con tanti posti letto, io dico invece che per assurdo, anche se è ancora fantascientifico pensarlo, un ospedale senza letti significa che si è agito ottimamente sui pazienti. Siamo ai vertici come Banca delle Cornee, che garantisce l’80% alla gente. Come percentuale di vaccinati in Polesine, si registrano punte altissime: 97% tra gli Over 80, 90,7% tra gli Over 70, 84,2% tra gli Over 60. Da lunedì è possibile vaccinarsi con il Johnson&Johnson, con un’unica iniezione e senza prenotazione. Questa possibilità viene data alle persone sopra i 60 anni. Mi piace far notare il fatto che in soli cinque giorni abbiamo avuto 400mila prenotazioni, da parte dei ragazzi, intenzionati a vaccinarsi. Sono state somministrate 3 milioni di dosi: 1 milione di queste sono complete. Questo vuol dire che ad agosto si presume di avere concluso tutto. Poi attendiamo la terza dose. Finora il 25% della popolazione veneta è coperta”.

Il ringraziamento di Zaia al personale sanitario di Rovigo

Zaia all’ospedale di Rovigo

Luca Zaia ha voluto ringraziare tutti i medici, gli infermieri, Oss e in generale il personale sanitario, che in questo anno e mezzo di pandemia, è sempre stato in prima linea. “Lo era anche prima del Covid sia chiaro e ha continuato a lavorare non solo per arginare il virus. Il Veneto è all’ottavo posto per numero di contagi, ma siamo anche la regione con meno morti tra quelle colpite. Ricordo che nel mondo ci sono stati 3,5 milioni di morti da Covid, anche se la cifra è sottostimata di un decimo”.

Marco Scarazzatti

Le più lette