Logo testata di vicenza

Home Breaking News Ulss 3, vaccino: una mappatura digitale per contrastare le “sacche di ritrosia”

Ulss 3, vaccino: una mappatura digitale per contrastare le “sacche di ritrosia”

Vaccino. Il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima (Venezia), Edgardo Contato, illustra il sistema messo a punto per raggiungere, informare e proporre a tutti la possibilità di vaccinarsi

Ulss 3. La mappa dei non vaccvinati

Tutti devono ricevere l’opportunità, le informazioni e la proposta della possibilità di vaccinarsi. Con questa premessa l’Ulss 3 ha fatto ricorso anche ad una mappatura digitale del territorio per la ricerca delle sacche di “ritrosia” verso la vaccinazione. “Poiché non vogliamo lasciare davvero nessuno senza una possibilità di vaccinarsi – spiega il Direttore generale Edgardo Contato – stiamo utilizzando in queste settimane anche il sistema di geolocalizzazione messo a punto dai nostri tecnici. La nostra mappatura digitale, realizzata alcuni mesi fa con l’obiettivo di tracciare le persone positive sul territorio, oggi ci permette di localizzare ogni singolo soggetto che non è ancora stato vaccinato”.

Contato: “Il sistema permette di individuare le aree in cui è necessario proporre nuovamente il vaccino ai cittadini”

“Nel rispetto della privacy di ogni singolo utente – spiega il Direttore Contato – questo sistema permette alla nostra organizzazione di individuare le aree in cui sono presenti più persone a cui è possibile e necessario proporre nuovamente il vaccino. Siamo in grado ovviamente di mappare così il nostro territorio anche per fasce d’età: possiamo quindi programmare al meglio, nei luoghi in cui c’è più necessità e ci sono più margini per ulteriori risultati, anche quelle iniziative in cui si fa uso di un particolare vaccino, o rivolte ad utenti di una specifica fascia di età”.

Ulss 3 vaccino. Mappa Bagnara

Vaccino nel territorio dell’Ulss 3: i numeri

A metà giugno era stata vaccinata circa il 75 per cento della popolazione compresa all’interno dell’area di pertinenza dell’Ulss 3, in tutto 474.799 persone su 625mila. Marcon è il comune in cui si è raggiunta una copertura maggiore, nelle fasce di età compresa tra i 70 e i 79 anni (91 per cento), ma anche i 60 e i 69 anni (85,2 per cento), 50-59 (74,2 per cento) e 40-49 (65 per cento). Stra, Pianiga, Cavarzere e Cona sono invece tra i comuni del territorio coperto dall’Ulss 3 Serenissima dove in percentuale si è vaccinato di meno, a Pianiga, in particolare per la fascia tra i 70 e 79 anni poco più dell’81 per cento, a Stra nelle fasce 60-69 (74,8 per cento) e 50-59 (61,7 per cento), a Cavarzere e Cona soprattutto nella fascia 40-49 con una percentuale di poco superiore al 40 per cento.

La mappatura

La mappa che identifica e geolocalizza ogni singolo utente non vaccinato permette di concentrare nelle singole aree iniziative particolari, quali ad esempio la presenza del camper vaccinale, o del vaporetto vaccinale per facilitare ed incentivare la vaccinazione.

Non solo ma consente all’Ulss 3 Serenissima di aiutare i singoli Medici di famiglia.

“Siamo in grado di vedere area per area, utente per utente – spiega il Direttore Contato – e di fornire ai Medici di Medicina Generale, come abbiamo fatto fin qui, le indicazioni utili alla loro ricerca dei loro assistiti che non sono stati raggiunti dalla vaccinazione. Resta salva la libera volontà della persona che non intenda vaccinarsi”.
La strumentazione sviluppata dall’Ulss 3 Serenissima consente all’Azienda sanitaria un’analisi georeferenziata dei dati relativi ai soggetti coinvolti nel contrasto al virus.

Il monitoraggio dei soggetti positivi

“La nostra Azienda sanitaria – spiega il responsabile della Gestione Dati dell’Ulss 3, il dottor Domenico Bagnara – è in grado di monitorare i soggetti risultati positivi, i loro contatti stretti cui è prescritta la misura contumaciale della quarantena, e ora le persone che non sono state vaccinate. Le informazioni sono rappresentate su mappe geografiche, con la possibilità di approfondire l’analisi fino ad un livello di dettaglio equivalente a quello dello stradario”.

Lo strumento di mappatura e visualizzazione è impiegato anche per la realizzazione di tutte le analisi necessarie al contrasto al contagio: ad esempio la rappresentazione dei vari indicatori nei valori assoluti, nelle loro serie storiche, in percentuale sui residenti, con la possibilità dunque di esplorare il grado di distribuzione territoriale del fenomeno con analisi comparative consistenti.

Le più lette