lunedì, 15 Aprile 2024
HomeVicentinoVicenzaVicenza, sedici giovani hanno concluso in Comune l'anno di servizio civile

Vicenza, sedici giovani hanno concluso in Comune l’anno di servizio civile

Tempo di lettura: 2 minuti circa

I giovani sono stati impegnati anche a sostenere le fasce più fragili della popolazione

Gli assessori alle politiche giovanili Cristina Tolio e alle politiche sociali Matteo Tosetto e la presidente della biblioteca civica Bertoliana, accompagnati dagli operatori locali del progetto, hanno salutato a palazzo Cordellina, i 16 ragazzi che hanno preso parte al servizio civile universale 2020/2021 nel Comune di Vicenza.

La cerimonia si è svolta in occasione dell’ultimo giorno di servizio e si è conclusa con la consegna degli attestati di riconoscimento delle attività svolte e delle competenze personali, sociali e di cittadinanza acquisite da ogni ragazzo.

I volontari presenti alla cerimonia hanno inoltre espresso il riscontro positivo della loro esperienza con video e racconti personali.

“Mi auguro che l’esperienza vissuta – ha affermato l’assessore Cristina Tolio – possa essere utile sia a livello sociale, nelle relazioni di tutti i giorni, che per il futuro. L’amministrazione intende potenziare il servizio civile perché crede nel suo valore, essendo un’opportunità per i giovani di arricchirsi in termini di conoscenze e competenze e di vivere un’esperienza significativa volta a sviluppare un maggiore senso civico e una migliore percezione dei valori democratici.

“Ringrazio gli uffici comunali e i dipendenti, che hanno offerto ai volontari coinvolti un’esperienza di cittadinanza attiva, ricevendo in cambio entusiasmo, freschezza, e conoscenze che hanno contribuito a rendere migliori i servizi alla città”.

“Il servizio civile rappresenta – ha continuato l’assessore Matteo Tosetto – una bellissima esperienza civica, un’opportunità di partecipazione e una forma di scambio di risorse e competenze tra l’amministrazione e i giovani che vi prendono parte. È un’esperienza di grande valore formativo, culturale e umano, che permette di acquisire nel contempo competenze utili all’ingresso nel mondo del lavoro”.

I ragazzi, dai 18 ai 28 anni, hanno iniziato il loro percorso il 24 giugno 2020 svolgendo attività nei servizi educativi e sociali del Comune e alla biblioteca civica.

Nello specifico, sono stati coinvolti nei progetti ‘Edu_care universale’ e ‘Giovani per le biblioteche’. Il primo progetto ha messo all’opera i volontari in servizi sociali a sostegno delle fasce più deboli e fragili della popolazione e in vari servizi educativi. Nel secondo caso si sono cimentati con attività di catalogazione, promozione e gestione delle attività della biblioteca civica Bertoliana.