Logo testata di vicenza

Home Giardinaggio Come curare le piante quando si è in vacanza: consigli e idee...

Come curare le piante quando si è in vacanza: consigli e idee da adottare prima della partenza

Gli accorgimenti e le soluzioni per affrontare il periodo più caldo. E’ necessario programmare gli interventi durante la propria assenza e adottare le soluzioni ideali affinché le piante non soffrano

Giardinaggio
Giardinaggio

L’estate è il periodo dell’anno più difficile per conservare rigoglioso il proprio angolo verde. Le temperature elevate, il sole che picchia e l’assenza da casa, può infatti vanificare tutte le attenzioni avute nei mesi precedenti. Oggi esistono moltissimi accorgimenti e soluzioni per prendervi cura del giardino casalingo anche a distanza. Ecco alcuni trucchi più interessanti e metodi più efficaci e alla portata di tutti, per far sì che il verde cresca rigoglioso.

Per scegliere la soluzione migliore per innaffiare le piante quando non ci siamo, teniamo sempre di vista le diverse esigenze idriche delle piante. Alcune, infatti, resistono alla siccità, altre necessitano di molta acqua o temono i ristagni e gli eccessi idrici. Le piante grasse o affini, come l’aloe e la cactacee, per esempio, non soffriranno particolarmente la carenza d’acqua. Questi esemplari hanno infatti la capacità di resistere a siccità e caldo torrido, tollerando in maniera ottimale lunghi periodi senza innaffiature.

Che si tratti di una vacanza di pochi giorni o di settimane è importante avere piccole accortezze necessarie affinché le piante non soffrano, prevedendo una zona più ombreggiata, lontane dai raggi diretti dal sole e dal caldo torrido, evitando di collocare le piante in un ambiente non adatto o non corrispondente alle loro esigenze e fornendo alle piante esposte in terrazza o in balcone ombra maggiore.

A seconda dei giorni di assenza e delle possibilità idriche ed elettriche, bisognerà adottare sistemi d’irrigazione via via più complessi. Tra i metodi per brevi periodi di assenza, l’auto irrigazione, il sistema del filo e la bottiglia bucata capovolta sono rimedi semplici che si possono utilizzare.

Il metodo di irrigazione con filo o corda, consiste nel posizionare tutti i vasi vicini tra loro e predisporre intorno ciotole con acqua e fili da cucire. Se ogni filo che parte da una ciotola atterra nella terra, questa sarà in grado di bere poco a poco in nostra assenza.

Un ulteriore sistema per innaffiare le piante consiste nell’utilizzare una bottiglia di plastica e praticare dei fori sul tappo e sulla base della bottiglia, riempirla di acqua e inserirla nel terreno con il tappo bucherellato piantato nella terra. In questo modo il terreno verrà bagnato lentamente.

Per chi si assenta per lunghi periodi, esistono dei flaconi di acqua complessata. È una speciale acqua in gel costituita da fibre naturali e acqua demineralizzata. I microorganismi del terreno scompongono la cellulosa e liberano l’acqua per un tempo che varia dai 15 ai 20 giorni a seconda del terreno e della temperatura. Il flacone si inserisce capo- E’ necessario programmare gli interventi durante la propria assenza e adottare le soluzioni ideali affinché le piante non soffrano Garden volto nel terreno più vicino possibile al fusto.

In alternativa possiamo realizzare una serra fai da te. In un foglio di plastica trasparente che lasci passare la luce avvolgiamo ogni pianta e mettiamo un panno umido sotto il vaso. Tutta l’umidità rimarrà nel sacco e ricadrà nel vaso. Oppure posizioniamo i vasi nella vasca da bagno, tutte insieme, con un telo di plastica e dei giornali. Annaffiamo abbondantemente in modo che i giornali possano assorbire l’acqua e appoggiamo i vasi, tirando la tenda della doccia.

 

Le più lette