Logo testata di vicenza

HomeVenetoAttualitàGrave maltempo in Veneto, Zaia dichiara stato di crisi

Grave maltempo in Veneto, Zaia dichiara stato di crisi

Il Presidente della Regione, Luca Zaia, ha già avviato le procedure per la dichiarazione di stato di crisi determinato dalla grave ondata di maltempo che ha colpito in queste ore il Veneto.

I soccorritori hanno già effettuato più di 250 interventi, soprattutto nelle aree più colpite: il trevigiano, il padovano, il vicentino e il veneziano.

Gli interventi dei vigili del fuoco per il maltempo in Veneto

Alle 21.30, di stasera sono 250 le richieste d’intervento ancora da evadere a fronte delle 300 operazioni già eseguite nella giornata odierna dai vigili del fuoco per il maltempo, che da ieri sta interessando la regione Veneto. Nel pomeriggio il maltempo ha colpito violentemente le province di Vicenza, Padova, Treviso e Venezia. Interventi soprattutto dovuti al taglio di rami, alberi e pali pericolanti e rimozione di elementi pericolosi. Il dispositivo di soccorso dei vigili del fuoco è stato rinforzato con il richiamo di personale libero dal servizio e trattenimento in turno del personale smontante. A Villa di Asolo intervento in corso dei vigili del fuoco per lo scoperchiamento della Chiesa.

Vicenza 58 interventi chiusi 80 da evadere
Padova 63 interventi chiusi 74 da evadere
Treviso 78 interventi chiusi 55 da evadere
Venezia 79 interventi chiusi 9 da evadere

Maltempo in Veneto, Zaia: “Stato di crisi atto doveroso”

“E’ un atto doveroso – dice Zaia – di fronte a una criticità che sta coinvolgendo pressochè tutto il Veneto. Abbiamo una lista di Comuni già certa – annuncia – e altri si aggiungeranno, con danni causati dal vento, dalle grandinate e dalle forti piogge, in queste ore e anche nei giorni precedenti”.

 

“E’ fondamentale – dice ancora Zaia – che ci sia un intervento nazionale; che vengano raccolti i dati sui danni da parte dei cittadini e che sia fatta una cernita da parte dei Comuni. Subito dopo il dossier della Regione andrà a Roma per la richiesta danni, perché comunque l’agricoltura è in ginocchio, come peraltro varie altre attività umane, con danni tipici di eventi atmosferici importanti e non ordinari”.

“Ringrazio tutta la squadra dei soccorsi che sta intervenendo con tempestività: la nostra protezione civile e i tanti volontari, i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine e chiunque sta dando una mano”.

Le più lette