Logo testata di vicenza

Home Rodigino Provinciale Polesine, la campagna vaccinale procede a gonfie vele

Polesine, la campagna vaccinale procede a gonfie vele

Campagna vaccinale. In Polesine nella sola giornata di ieri sono state somministrate 2106 dosi di vaccino, un dato incoraggiante, che dimostra l’ottimo lavoro che sta svolgendo l’azienda ulss polesana.

Vaccino Covid
Vaccino

Il bollettino di oggi, martedì 20 Luglio, segna che ormai ben il 61,2% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino, e che il 48,9% della popolazione ha già completato il proprio ciclo vaccinale. Il personale sanitario locale stima che entro l’8 settembre, in Polesine, ben il 68,5% della popolazione avrà ricevuto almeno una dose di vaccino. Il numero dei ricoveri rimane basso, con soli 3 pazienti ricoverati a Trecenta a causa del Covid-19, e sono 11 le nuove positività riscontrate in Polesine.

Covid in Polesine: dati nella norma

La situazione rimane dunque nella norma, ma, come ci ricorda Urbano Brazzale, direttore amministrativo di ulss 5, “rimane fondamentale il rispetto delle regole, solo seguendo le norme e non lasciandoci trasportare da questa libertà virtuale potremmo riottenere una libertà effettiva”.

Vaccino: il nodo giovani

Nonostante i dati incoraggianti dell’ultimo periodo, rimangono varie le criticità. In primis si evidenzia una scarsa partecipazione delle fasce di popolazione più giovani alla campagna vaccinale. “I giovani, in questo momento, rappresentano una delle fasce a più alto rischio di contagio: si spostano molto e tendono a creare assembramenti, inoltre risultano non avere una adeguata copertura vaccinale”, così Brazzale lancia l’allarme.

Ma non sono solo i giovani a non godere di una adeguata copertura vaccinale, anche trentenni e quarantenni preoccupano Alberto Rigo, direttore sanitario di ulss 5 polesana, che spera in una crescita delle prenotazioni per tali fasce di età nel mese di Settembre, quando si ritornerà ad un regime lavorativo normale dopo la parentesi estiva.

Ulss 5: “E’ fondamentale rassicurare e avvicinare gli scettici”

I dirigenti di ulss 5 rassicurano anche a riguardo della sicurezza dei vaccini, affermando che fino ad ora in Polesine non ci sono stati casi particolari legati alla somministrazione di uno dei quattro vaccini approvati dall’EMA. “Adesso è fondamentale cercare di rassicurare e avvicinare tutte quelle persone che sono rimaste scettiche riguardo al vaccino, ad esempio, nel caso dei giovani, potrebbe essere utile la creazione di eventi o campagne mirate a sensibilizzarli riguardo l’importanza della vaccinazione, l’unica nostra arma, insieme al rispetto delle norme, per poter tornare ad una tanto agognata libertà definitiva”.

Davide Farinatti

Le più lette