Logo testata di vicenza

HomeRodiginoDeltaPorto Tolle: DeltArte, al museo della Pesca i 400 drops crew

Porto Tolle: DeltArte, al museo della Pesca i 400 drops crew

Il direttore artistico di DeltArte, Melania Ruggini, ha incontrato a Porto Tolle l’assessore Bertaggia e il vicesindaco Mantovani

DeltArte
DeltArte

Melania Ruggini, direttore artistico di DeltArte, il festival annuale itinerante dedicato all’arte urbana, in stretta connessione con il territorio e in particolare col Delta, ha incontrato a Porto Tolle l’Assessore Tania Bertaggia e il vicesindaco Silvana Mantovani, per presentare il nuovo progetto di street art in fase di realizzazione a Scardovari: “Torniamo anche quest’anno a Porto Tolle con i 400 drops crew, che dopo Alice Pasquini, che ha realizzato un’opera presso il muro della palestra di via Giordano a Ca’ Tiepolo, stanno ultimando un’opera ispirata al tema della memoria collettiva”.

L’Assessore Bertaggia: “E’ con enorme piacere che rinnoviamo l’incontro con questa rassegna, per la quale quest’anno abbiamo individuato il museo della pesca di prossima apertura, come sede d’opera. Il tema del murale riguarda il nostro territorio e il legame che i nostri cittadini hanno con l’attività della pesca. Saranno raffigurati in chiave urban i nostri prodotti d’eccellenza e i simboli di Porto Tolle. Sarà una sorta di porta d’accesso a Scardovari, che è con Boccasette una frazione a vocazione turistica e tradizionalmente legata al settore della pesca”.

Il vicesindaco Mantovani: “Gli artisti portano nel nostro comune cultura e portano con sé, una volta terminata l’opera, la cultura di Porto Tolle. Abbiamo la fortuna di vivere un luogo che non può che ispirare ed arricchire le menti creative e ringrazio l’associazione Art Flood per aver scelto per il secondo anno il nostro territorio”.

L’artista Andrea Montagnani, originario di Volterra, in arte Damoz, racconta a nome del gruppo formato da Dr8ste, Ypsilon e Ninja, che insieme formano i 400 drops crew: “Siamo un gruppo di 4 artisti che lo scorso anno hanno deciso di unire le loro forze per portare a compimento dei progetti più grandi, avendo in comune la medesima linea espressiva e figurativa. Quello che di Porto Tolle ci ha ispirato particolarmente è la genuinità e l’indissolubile legame che c’è tra chi vi abita e la natura. L’argomento da trattare con la nostra opera, dunque la memoria collettiva, non poteva essere più azzeccato di così. Ringrazio Melania e tutto il team di Art Flood per credere nel valore di questo tipo di iniziative, che portano ai comuni in cui vengono realizzate uno speciale arricchimento”.

Le più lette