Logo testata di vicenza

HomeRodiginoRovigo: presentata la legge "Veneto cantiere veloce"

Rovigo: presentata la legge “Veneto cantiere veloce”

Oggi, Venerdì 23 Luglio, è stata presentata presso la Camera di Commercio di Rovigo la legge “Veneto cantiere veloce”, entrata in vigore il 3 Luglio dell’anno corrente

Camera di commercio Rovigo
Camera di commercio Rovigo

“L’idea per tale legge è nata durante il primo lockdown, in previsione della futura ripresa era necessario fare riforme per agevolare l’importante settore dell’edilizia”, così Stefano Valdegamberi, primo firmatario e ideatore della legge, spiega la nascita di “Veneto cantiere veloce”, la legge entrata in vigore il 3 luglio e oggi presentata alla Camera di commercio Rovigo.

“Ci è voluto molto tempo, la legge era nata nella legislazione scorsa, abbiamo dovuto agire nei limiti delle autonomie e competenze regionali, rimanendo anche al passo con le normative nazionali”, continua così il suo intervento Valdegamberi, che insiste sul ruolo trainante che possiede il settore edile in campo economico, un settore già in crisi a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime.

Anche l’assessore regionale al territorio, Cristiano Corazzari, si dimostra entusiasta per “Veneto cantiere veloce”, nel suo intervento l’assessore spiega che tale legge permetterà di contenere il consumo di suolo, facilitando il rinnovamento del patrimonio edile regionale e dei tessuti urbani. “Una legge fondamentale per sburocratizzare e di conseguenza facilitare il rinnovo delle abitazioni nel territorio regionale, con ciò si potrà dare una nuova linfa vitale alle nostre aree urbane, agendo anche in modo ecosostenibile: riducendo il consumo di suolo e di energia”.

“Veneto cantiere veloce” è dunque una legge che non vuole concedere nuovi spazi edificabili, ma che al contrario cerca di revitalizzare il settore dell’edilizia partendo dalle ristrutturazioni degli abitati e dalla riqualificazione delle aree urbane. “Non è la legge del miracolo, abbiamo dovuto operare nei limiti delle autonomie e delle competenze regionali, che in ambito edile risultano essere piuttosto stringenti, ma abbiamo fatto tutto ciò che era in nostro potere per accontentare i comuni e soprattutto i cittadini. L’obiettivo ultimo della nostra legge è infatti quello di poter offrire una migliore qualità della vita ai veneti”, così conclude il suo intervento l’assessore Corazzati. Interviene sull’argomento anche Gianmichele Gambato, della Camera di commercio di Venezia e Rovigo, che ricorda l’importanza della sburocratizzazione in questo delicato periodo di ripresa, oltre che l’importanza anche del settore edile, decisivo in campo economico, già in crisi da diverso tempo.

Davide Farinatti

Le più lette