mercoledì, 30 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomePadovanoPadova Sud"Utili ad Albignasego": grazie al progetto, 15 disoccupati lavoreranno per sei mesi...

“Utili ad Albignasego”: grazie al progetto, 15 disoccupati lavoreranno per sei mesi in Comune

Banner edizioni

La Regione del Veneto ha approvato e finanziato il progetto presentato dal Comune di Albignasego e denominato “Utili ad Albignasego”, che prevede l’inserimento di disoccupati in lavori di pubblica utilità.

Albignasego

Il progetto consentirà di impiegare complessivamente 15 persone, di cui 10 in attività manutentive (attività di abbellimento delle aree verdi all’interno dei parchi pubblici, interventi di tutela ambientale, supporto all’ufficio tecnico, sviluppo di aree verdi nei parchi pubblici e nei giardini scolastici) e 5 in attività di supporto amministrativo e vigilanza (riordino di archivi, catalogazione, digitalizzazione, data entry, attività di back-office. Oppure ancora vigilanza all’ingresso del municipio, con particolare attenzione al rispetto dei protocolli di prevenzione Covid-19), per un periodo di sei mesi con contratto part-time di 20 ore settimanali.

“Utili ad Albignasego”: chi può partecipare al progetto

Al progetto “Utili ad Albignasego” possono partecipare residenti che abbiano compiuto 30 anni di età e che siano disoccupati di lunga durata, cioè iscritti al Centro per l’Impiego e che abbiano maturato almeno 366 giorni di disoccupazione, oppure disoccupati svantaggiati o con disabilità iscritti al Centro per l’Impiego. Le adesioni devono pervenire in municipio entro il 28 luglio: l’avviso completo e il modulo di domanda sono scaricabili dal sito del Comune.

Giacinti: “Sono diversi anni che ad Albignasego attiviamo periodicamente progetti, come questo”

“Sono ormai diversi anni che ad Albignasego attiviamo periodicamente progetti, come questo, di pubblica utilità e cittadinanza attiva – dichiara il sindaco Filippo Giacinticon un aiuto concreto alle persone, che risolva nell’immediato i loro problemi economici, ma che non si limita a un mero sostegno di tipo assistenziale, in quanto prevede l’avvio di un processo che li accompagni a diventare indipendenti dal punto di vista occupazionale. Infatti negli ultimi anni il 50% circa di queste persone ha trovato successivamente un’occupazione lavorativa stabile”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Padova

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy