Logo testata di vicenza

Home Vicenza Vicenza, il Comune lancia un concorso di idee per cambiare volto a...

Vicenza, il Comune lancia un concorso di idee per cambiare volto a 23 piazze e strade

Il concorso è rivolto a ingegneri, architetti e geometri

Il monumento a Neri Pozza nel Largo omonimo: è uno dei luoghi da ripensare

Sono stati oltre 120 i partecipanti (architetti, ingegneri, geometri) al seminario online promosso dall’assessorato alla mobilità del Comune di Vicenza per presentare la “call for ideas” per rigenerare 23 piazze e strade cittadine denominata “Centralità urbane 2021”.

Obiettivo del convegno, dedicato agli ordini professionali, era l’organizzazione di un confronto e partecipazione tra tecnici (progettisti del Pums, uffici del Comune e liberi professionisti) sulla visione della mobilità Vicenza2030 per un contributo alla progettazione di spazi urbani della città da inserire nel percorso di redazione del nuovo Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile).

Spiega l’assessore Celebron: “La call for ideas che abbiamo promosso mira a stimolare le migliori idee per rigenerare 23 piazze e strade individuate come ambiti progettuali per il miglioramento dell’accessibilità, della qualità ambientale e sociale della città”.

Dopo i saluti e l’introduzione ai lavori da parte del vicesindaco Matteo Celebron, si sono tenuti gli interventi di Lucio Rubini di Tps pro “Accorciare le distanze: come rendere accessibile la città della prossimità”. Quindi, a seguire, Stefano Ciurnelli di Tps pro ha illustrato “Vicenza 2030, il nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile: le sfide e gli scenari del Piano” mentre Marco Bonafede del servizio Mobilità e Trasporti del Comune di Vicenza, il tema “Centralità Urbane 2021 – una call for ideas per Vicenza”.

L’obiettivo del “concorso di idee” è di migliorare la qualità della vita neo quartieri

Piazzetta Gioia
Piazzetta Gioia nel quartiere di San Bortolo è un altro dei 23 luoghi da ripensare a Vicenza

L’iniziativa è rivolta esclusivamente agli ordini professionali (ingegneri, architetti e geometri) per il recupero di spazi urbani, da far confluire quale contributo all’interno del percorso di redazione del Pums.

Obiettivo è la progettazione di ambiti urbani, anche ricorrendo a soluzioni di spazi temporanei a basso costo (cd. “urbanistica tattica”), per incrementare la sicurezza urbana e aumentare la qualità della vita nei quartieri, intesi come parte di una “città a 15 minuti”.

Ciascun partecipante può presentare una sola proposta relativa a uno dei 23 ambiti progettuali (piazze e strade) individuati dall’amministrazione comunale in quanto connotati dalla forte presenza di spazi pubblici e funzioni all’interno del tessuto edificato cittadino. Non sono escluse diverse proposte da parte dei partecipanti, purché riconoscibili quali centralità urbane e/o elementi qualificanti per una “città a 15 minuti”.

Ecco quali sono le 23 piazze e strade che devono cambiare aspetto

Il villaggio giuliano edificato negli anni Cinquanta a Campedello

Gli ambiti destinati alla “call for ideas” sono: intersezione tra le vie Vespucci, Caboto e Colombo; ambito tra le vie Albinoni, Tartini e Boito; ambito tra via Rossini e via da Palestrina; via Vaccari, nel tratto compreso tra via Ferreto de Ferreti e via Rossi/via Maganza; ambito tra via Giaretta e via Baracca; via Legione Antonini, tratto tra via Zanardelli e via Ozanam; via Galilei, intersezione con via Volta, intersezione con via Pagliarino e con via Tasso; via Prati, piazza antistante le scuole elementari; piazzetta Gioia; via Medici, nel tratto compreso tra via Castelfidardo e via Mentana; via dei Laghi, via Lago di Levico, via Lago di Fogliano; contrà Porta Santa Lucia; piazzetta Santi Apostoli e piazzola San Giuseppe; largo Neri Pozza; contrà delle Barche all’intersezione con contrà Piancoli; contrà Burci; via Bertolo (villaggio Giuliano Dalmata); via Einaudi, nel tratto compreso tra via Salvemini e via De Nicola; viale della Pace, nel tratto compreso tra via Elisa de Muri e via della Stanga; via Tornieri, nel tratto compreso tra via Faccioli e via Marasca; via Fabiani, nel tratto compreso tra via Marani e via Gamba; via Pizzocaro; strada Postumia, tratto interno ad Ospedaletto.

Previsti anche tre premi ai progettisti vincitori oltre a tre “menzioni”

Le finalità progettuali possono essere così definite: innalzamento delle qualità urbane; incremento della pedonalità e della qualità dello spazio pubblico; spazio pubblico inteso quale ambito di relazione; aumento delle relazioni in ambiti connotati/caratterizzati da commercio di vicinato, somministrazione di cibi e bevande, presenza di servizi pubblici; potenziamento del verde urbano; ridefinizione di spazi per la mobilità e la sosta, con privilegio per la mobilità pedonale e ciclabile nonché alle relazioni e all’interscambio con il trasporto pubblico locale, nonché alla valorizzazione di forme di sharing mobility; moderazione del traffico/traffic calming; ricuciture di fronti e ambiti urbani.

La consegna degli elaborati dovrà avvenire entro le 12 del 30 settembre 2021.

Sono previsti premi per le migliori proposte progettuali: 2500 euro al primo classificato, 1500 euro al secondo, 1000 euro al terzo, oltre a tre “menzioni”, almeno una delle quali sarà assegnata ad un progettista under 35, se partecipante.

Le più lette