lunedì, 17 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenetoAttualitàZaia: "In Veneto non abbiamo parametri da zona gialla"

    Zaia: “In Veneto non abbiamo parametri da zona gialla”

    Leaderboard

    Zaia è tornato a fare il punto sull’andamento della pandemia in Veneto. Per il presidente: “Nessun rischio ad oggi di zona gialla”

    Luca Zaia
    Luca Zaia

    “In Veneto non abbiamo parametri da zona gialla. Al momento non avverto il rischio: il parametro più importante è l’ospedalizzazione e noi siamo a zero”. Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, durante l’odierno appuntamento con la stampa.

    Veneto, Zaia: “Tamponi sì, ma ritarare l’incidenza”

    Il governatore del Veneto ha anche sottolineato l’importanza dello screening, ma anche la necessità di rivedere il calcolo dell’incidenza. “Va incentivata l’esecuzione dei tamponi, ma va anche ritarato il parametro dell’incidenza. Altrimenti significherebbe invitare a ‘correre’ sui tamponi e poi multare per eccesso di velocità.  Ad esempio, ieri in Veneto abbiamo fatto 27mila tamponi, a fronte di un obbligo che ne fissa un minimo di 7.500” ha puntualizzato.

    COVID: ZAIA, ‘CON GREEN PASS PER BAR E RISTORANTI VACCINO DIVENTA OBBLIGATORIO’ =
    Qualche dubbio, invece, rispetto alla certificazione verde e alle proposte del presidente francese Macron. “Con il Green pass per entrare in bar e ristoranti il vaccino diventa sostanzialmente obbligatorio. Macron faceva prima a dire appunto che la vaccinazione è obbligatoria” ha evidenziato Zaia.

    Green pass: i nodi da affrontare

    Secondo il presidente queste iniziative dovrebbero essere “valutate con serietà e soprattutto coordinate”. “Serve un ‘soft landing, perché gli scenari sono molteplici: c’è il tema della privacy, ad esempio, che non è irrilevante. Inoltre, quando si introduce una misura del genere bisogna garantire a tutti i vaccini, ma non mi sembra che in questo momento ci sia tutta questa disponibilità” ha sottolineato.

    Infine, Zaia ha precisato: “E’ una partita da mettere in mano al Cts. Il dibattito sarà inevitabile a ottobre e le autorità scientifiche dovranno esprimersi”.

    Leaderboard

    Le più lette