Notizie
HomeVenetoCultura e spettacoliConsigli letterari per l’estate. Cinque libri, cinque storie da leggere in vacanza

Consigli letterari per l’estate. Cinque libri, cinque storie da leggere in vacanza

L’estate è il momento adatto per dedicarsi a una sana lettura. Così abbiamo pensato di consigliarvi cinque scrittori che non dovrebbero mancare in questo caldo agosto 2021.

Che sia sotto a un ombrellone o al fresco di un bosco, su un’amaca in campagna o sul balcone in città, ogni luogo è adatto per rilassarsi in compagnia di un buon libro. (continua a leggere dopo la gallery)

Consigli letterari per l’estate: “I prati dopo di noi”

Per chi anche in vacanza vuole dedicare un po’ di tempo a tematiche legate alla natura e all’ambiente, consigliamo la lettura del romanzo “I prati dopo di noi” del padovano Matteo Righetto, un romanzo simbolico ambientato nelle Alpi. Il rapporto tra uomo e natura è una componente costante nelle narrazioni dell’autore che diventa scambio, comunicazione, una lingua comune. In questo libro Righetto ci porta ancora una volta in cima alle sue adorate montagne insieme a personaggi solitari: il vecchio Johannes, il giovane Bruno e la piccola Luni. Tre esperienze familiari difficili, tre esistenze che si incrociano, tre personaggi che stanno scappando, chi verso la salvezza, chi verso una conclusione, chi dai predatori, umani e animali. Tre anime disperse che ritroveranno la speranza nel loro incontro e nella loro meta comune. Una storia simbolica sul destino dell’umanità, nutrita dell’amore per l’ambiente, popolata da personaggi vivissimi nella rappresentazione della natura e dell’avventura.

Il romanzo d’esordio di Tommaso Scotti

Per chi ama i gialli ecco il romanzo d’esordio di Tommaso Scotti “L’ombrello dell’imperatore”, un noir ambientato in Giappone. Lo scrittore, 37 anni, laureato in matematica, cultore di arti marziali, vive in Oriente dal 2010.  Il libro, ambientato in un Giappone piovoso, ci porta in un Paese affascinante e ricco di posti da scoprire. Il protagonista, l’ispettore Takeshi Nishida, della squadra omicidi della polizia di Tokyo, si troverà a risolvere un caso molto delicato. Tutti gli indizi, infatti, conducono a un sospettato impensabile: l’imperatore del Giappone. Un Paese raccontato non attraverso descrizioni paesaggistiche o culturali, ma tramite i personaggi. Un mix di generi, tra giallo, memoir e perché no anche guida turistica, per chi ha in mente un viaggio a Tokyo. Un thriller scritto da un italiano, per i giapponesi da uno straniero, un expat per i suoi concittadini, che nella capitale ha vissuto per un periodo per poi rimanere.

“Persone Normali”

Scrittrice irlandese classe 1991, Sally Rooney propone un romanzo sulle relazioni umane “Persone Normali”

L’argomento centrale del libro è la conseguenza di una relazione difficile, quasi impossibile, confusa, spezzata; una relazione che sembra un unicum, e che invece risulta assolutamente comune. I protagonisti sono Marianne e Connell, due ragazzi che vivono in un paesino irlandese e frequentano l’ultimo anno di liceo. Due persone apparentemente opposte che a prima vista non hanno molto in comune: lei è un’outsider, non ha amici ed è considerata particolare; lui, invece, è popolare, gioca a football e piace praticamente a tutti. Con uno stile sintetico, diretto, essenziale e visivo l’autrice ci porta in un mondo reale fatto di misunderstanding, della difficoltà di comunicare veramente perché bloccati dalla paura e dal senso dell’inadeguatezza.

Legami che sfidano il tempo nel novo libro di Silvia Avallone

Per chi ama le storie che parlano di legami che sfidano il tempo e la distanza, “Un’amicizia” di Silvia Avallone fa al caso vostro. Le due protagoniste – Elisa e Beatrice – sono cresciute insieme; sono state inseparabili, legate da qualcosa di profondo e indissolubile. Tredici anni dopo, però, qualcosa cambia nel loro rapporto e nelle loro vite. Dopo quasi vent’anni Elisa attraverso i diari di quegli anni, ripercorre gli inganni, i tradimenti, gli strappi di un rapporto tanto assoluto quanto contraddittorio. Un libro dal sapore estivo,  si spensieratezza e gioventù, ma anche di rimpianti, rimorsi e ricordi .

Per gli amanti dei libri a fumetti: “My covid in comics”

Non solo romanzi, racconti o gialli mozzafiato, l’estate è fatta anche di graphic novel. Ecco il libro a fumetto “My covid in comics” di Jacopo Granci e Claudio Calia. Trenta Paesi, 137 artisti e 300 illustrazioni per raccontare, attraverso il linguaggio del fumetto, gli effetti della pandemia. Un racconto sociale di una pandemia globale, oltre 300 opere accompagnate dalla trama narrativa dei curatori, il giornalista Jacopo Granci e l’autore di Graphic Novel, il padovano Claudio Calia. Il volume affronta lo stato d’essere dell’uomo del 2020, sospeso e in bilico. I contributi degli illustratori – fra i quali anche gli italiani Zerocalcare, Stefano Tartarotti, Danilo Maramotti, Dario Campagna – offrono riflessioni scritte e visive su questo periodo storico. Protagonista indiscussa del racconto è la particella di Covid19 che viene personalizza e soggettivizzata al massimo. E mentre rimbalza tra le pagine del libro e in cinque continenti, ci porta a riflettere come ogni situazione sia del tutto relativa.

Le più lette