Logo testata di vicenza

HomeSaluteEstate in salute, attenzione a come si mangia e a quello che...

Estate in salute, attenzione a come si mangia e a quello che si beve

Ecco alcune semplici regole per un’alimentazione corretta durante l’estate e per proteggere il corpo dai picchi di calore e dal rischio di disidratazione

Estate in salute
Estate in salute

In estate, con le vacanze e il conseguente aumento del numero di pasti consumati fuori casa, c’è il rischio di trascurare o quantomeno di sacrificare un po’ di attenzione a quello che si mangia e si beve. E’ invece importante tenere presente alcune semplici regole perché anche con un’alimentazione corretta è possibile proteggere il corpo dai picchi di calore e dal rischio di disidratazione.

Il sito del Ministero della Salute ha dunque messo a punto un decalogo di consigli utili per seguire anche in estate abitudini alimentari salutari e godersi a pieno la bella stagione.

Il decalogo della salute estiva

  1. Bere almeno due litri (otto bicchieri) di acqua al giorno. In estate si perdono minerali con l’aumento della sudorazione e della traspirazione. Per gli anziani è particolarmente importante bere, indipendentemente dallo stimolo della sete. I bambini devono bere di più. Moderare il consumo di bevande con zuccheri aggiunti. Limitare il consumo di bevande moderatamente alcoliche come vino e birra. Evitare le bevande ad alto contenuto di alcol.
  2. Rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che deve essere privilegiata rispetto agli altri pasti. La prima colazione è il pasto più importante della giornata, arriva dopo il periodo di digiuno più lungo nell’arco delle 24 ore e fornisce il “carburante” per tutta la giornata. Non consumare un’adeguata prima colazione, inoltre, predispone ad una maggiore assunzione di calorie nelle ore successive.
  3. Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e yogurt. Mangiare frutta e verdure fresche di stagione (400 g almeno al giorno, OMS). Preferire lo yogurt senza zuccheri aggiunti. Non trascurare la frutta secca (mandorle, noci ecc), ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre, senza esagerare.
  4. Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori. Il colore degli alimenti è dato dalle sostanze ad azione antiossidante: più si variano i colori, più completa è la loro assunzione.
  5. Moderare il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi. È consigliabile moderare l’apporto calorico, preferendo una cottura in grado di mantenere inalterato l’apporto di minerali e vitamine, diminuendo anche la quantità di sale da aggiungere durante la preparazione. Condire con olio d’oliva a crudo.
  6. Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi in acqua e completare il pasto con la frutta.
  7. Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata.
  8. Evitare pasti completi con primo, secondo e contorno quando, durante soggiorni in albergo o in viaggio, è più facile che si consumi al ristorante sia il pranzo che la cena.
  9. Consumare poco sale e preferire sale iodato.
  10. Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti.

Le più lette