Notizie

Logo testata di vicenza

HomePadovanoPadovaIl mega parco è realtà: alla Guizza un nuovo polmone verde

Il mega parco è realtà: alla Guizza un nuovo polmone verde

Guizza, Consulta 4b: Centocinquantamila metri quadrati di verde ai confini con Albignasego

Tra settembre e ottobre il progetto esecutivo di un’opera frutto del percorso partecipato nel quartiere

Percorsi alberati attrezzati per lo sport e il benessere, un boschetto, servizi tra cui il bar, un’agorà e tanti spazi verdi adatti ad accogliere eventi. Questo il “cuore” del nuovo parco Guizza, centocinquantamila metri quadrati di verde, suddivisi tra i territori di due Comuni, Padova e Albignasego. Con il parco Iris, il nuovo mega parco (il cui nome sarà deciso insieme con il quartiere), si contende il primato di area verde più grande della città. Sorgerà, poi, a ridosso di una fila di villette che si affacciano su via Confortini, le quali sul retro saranno nascoste da una barriera realizzata con delle siepi.

Il progetto del parco della Guizza, tra le vie Gozzano e Modigliani, sarà pronto tra settembre e ottobre. Nella prima presentazione ufficiale, avvenuta nel corso di una riunione con la Consulta 4b (Guizza, Voltabarozzo, Crocefisso, Salboro), è stato illustrato un progetto che, come ci tiene a sottolineare l’assessora Gallani, “ha preso forma a partire dal percorso partecipato del quartiere”. Il costo previsto è di circa un milione di euro. Il Comune si è attivato per ottenere un contributo statale.

PROGETTO CONDIVISO 

Era l’ottobre del 2019 quando si è iniziato a mettere in campo idee e suggestioni per il primo parco metropolitano di città – ricorda l’assessora al Verde e ai Parchi, Chiara Gallani -. Dopo l’approvazione dell’acquisizione di più di 63 mila mq di terreno, a cui si aggiunge l’area Modì di Albignasego, si creeranno oltre dieci ettari di polmone verde. Nel frattempo, l’iter urbanistico è stato compiuto, la Consulta ha lavorato sulle necessità del quartiere e con il Settore abbiamo immaginato il parco che verrà”.

Le migliaia Tra settembre e ottobre il progetto esecutivo di un’opera frutto del percorso partecipato nel quartiere di metri quadrati bastano da sole a dare l’idea delle dimensioni di un polmone verde atteso da anni dai residenti, ma che verrà messo a disposizione dell’intero territorio.

Gli accessi saranno da via Diano, via Modigliani, da via Confortini e dall’area sportiva di via Gozzano. A luglio 2020 l’ex vicesindaco Arturo Lorenzoni, prima di lasciare l’incarico, aveva fatto approvare la delibera del Pua parco Guizza Nord, in base alla quale i privati hanno avuto il permesso di costruire in cambio della cessione di una parte più ampia delle loro aree.

Tutte le scelte sono frutto di diversi confronti con le Consulte e i cittadini – aggiunge Gallani -. Continueremo a raccogliere suggestioni per una progettazione esecutiva capace di rispondere alle diverse esigenze”.

PRIMO PARCO METROPOLITANO
Parco Guizza è destinato a diventare una delle aree verdi più grandi della città. Il progetto è partito dalle richieste dei cittadini, illustrate e condivise attorno allo stesso tavolo nell’ambito delle attività della Consulta. “Tante le proposte messe insieme – prosegue l’assessora –, grazie anche a questi contributi l’area è destinata a diventare il primo parco metropolitano della città, un cuneo verde che congiungerà Padova con Albignasego”.

Saranno tre i punti chiave dell’intera operazione. “Il primo caposaldo è il mantenimento del bosco spontaneo che si è creato negli anni – aggiunge Gallani –; il secondo: la valorizzazione del disegno agricolo esistente; infine, si è deciso di lasciare così come sono scoline e linee d’acqua in modo tale da consentire il deflusso dell’acqua, ad esempio in caso di piogge abbondanti”.

Tra le novità la realizzazione di postazioni  con attrezzature sportive: l’area dovrà diventare un parco del benessere e del relax con la possibilità di muoversi e praticare attività immersi nel verde.

Nicoletta Masetto

 

Le notizie più lette di Padova