Logo testata di vicenza

HomeBreaking NewsPadova, Ugo: “Pagaiamo unite contro il cancro e stiamo meglio di prima”

Padova, Ugo: “Pagaiamo unite contro il cancro e stiamo meglio di prima”

Hanno sconfitto il tumore al seno, ora sfrecciano a pelo d’acqua, tutte assieme in groppa a un drago. Sono le pagaiatrici di Ugo, Unite Gareggiamo Ovunque, associazione no-profit di Padova per la promozione dell’attività fisica nelle donne operate di cancro alla mammella.

La disciplina che praticano, il Dragon Boat, è uno sport di pagaia su canoe scenografiche con testa e coda di drago, nato anticamente in Cina ma riscoperto in Canada negli anni ’90 come pratica riabilitativa per le pazienti oncologiche. La voga aiuta, infatti, a prevenire il linfedema, la sindrome del braccio grosso che nelle donne cui siano stati rimossi i linfonodi sotto l’ascella può provocare un ristagno di liquidi doloroso e invalidante. Ma i benefici del Dragon Boat, confermati da decine di studi scientifici, sono molteplici in chi ha subito cure invasive. (continua a leggere dopo la gallery)

Mazzucato: “Con il Dragon Boat ci sentiamo più energiche e ottimiste”

“Sfidiamo il luogo comune che per le donne con un tumore alla mammella pregresso vadano bene soltanto sport considerati poco faticosi, come lo yoga o il pilates”, spiega la presidente dell’associazione, Valeria Mazzucato. Il Dragon Boat favorisce infatti la ripresa del tono muscolare, facilita la socializzazione e il team-building, riduce lo stress e libera le endorfine, migliorando l’umore e la qualità della vita. “È così efficace che ci sentiamo più energiche e ottimiste di quanto non fossimo anche prima della malattia, quando al massimo facevamo solo un po’ di palestra. Il fiume è il nostro “zen”, ci aiuta a liberare la mente e a scacciare i cattivi pensieri, che in chi ha avuto la malattia sono un chiodo fisso. Questo è molto importante perché quando ti sparisce la tristezza cambia tutto il tuo modo d’essere”.

Dragoan Boat, sì ma in rosa

Nel mondo si contano oltre 200 squadre “in rosa” di Dragon Boat, 30 delle quali solo in Italia. Ugo si è costituita associazione nel 2019 sulla scia di un progetto sperimentale dello Iov, l’Istituto oncologico Veneto, grazie anche al supporto del Circolo canottieri Padova e dell’Arcs dell’Università degli Studi di Padova. “Al momento ne fanno parte oltre 50 donne di tutte le età, dai 32 ai 72 anni, alcune delle quali stanno ancora ultimando il ciclo di chemioterapia o sono in follow-up”, racconta Monica Frasson, una delle tre lavoratrici dell’Ulss 6 Euganea che compongono il team di Ugo.

“Nel nostro gruppo abbiamo assistenti sociali, donne in pensione, libere professioniste, insegnanti e casalinghe, tutte unite da un passato di malattia e da tanta voglia di stare bene nel presente e nel futuro. Quando saliamo sulla barca, però, il ruolo di ciascuna diventa irrilevante. Quello che conta è fare squadra e pagaiare all’unisono, al ritmo del tamburino”.

Le Olimpiadi della disciplina

Nel 2018 le pagaiatrici di Ugo erano a Firenze per il festival internazionale di Dragon Boat, sorta di “Olimpiadi” della disciplina per la categoria Bcs (breast cancer survivors) cui hanno partecipato oltre 5.000 donne operate al seno, con 125 squadre diverse in rappresentanza di tutti e cinque i continenti. L’obiettivo è ora raccogliere fondi per prendere parte alla prossima edi- zione del festival, in programma in Nuova Zelanda nel 2023.

Mazzucato: “Dal tumore al seno si può guarire e anche bene”

“Il nostro motto – continua la presidente Mazzucato è che dal tumore al seno si può non solo guarire, ma anche guarire bene. In Veneto si ammala una donna su nove, eppure sono ancora poche le pazienti oncologiche a conoscere uno sport come il Dragon Boat, che aiuta a superare l’esperienza della malattia e a stare meglio di prima. Ci preme trasmettere un messaggio positivo di speranza e di prevenzione, anche di riscatto: ce l’abbiamo fatta e vogliamo dirlo alle altre donne, recuperare il benessere perduto è possibile. Guarendo dal cancro la vita ci ha dato una seconda possi- bilità, e noi non intendiamo sprecarla”.

Le più lette