Logo testata di vicenza

HomeBreaking NewsChioggia, il successo di “Laguna Sud, il cinema fuori dal palazzo”

Chioggia, il successo di “Laguna Sud, il cinema fuori dal palazzo”

Cinque serate dedicate al cinema indipendente hanno caratterizzato la 7a edizione di “Laguna Sud – Il Cinema Fuori dal Palazzo” a Chioggia.

Laguna

Il festival, ideato e diretto dal regista Andrea Segre e dal critico cinematografico Giorgio Gosetti, con il contributo della Regione del Veneto, in collaborazione con ZaLab, Giornate degli Autori, Comune di Chioggia, Pro Loco Chioggia Sottomarina, Fondazione Clodiense, si è svolto dal 25 al 29 agosto scorso con la partecipazione di protagonisti del cinema e della cultura.

Segre: “Ho voluto provare nella vita a portare il cinema a conoscere la Laguna Sud”

“Attraversando la Laguna Sud, tra Chioggia e Pellestrina –  ha affermato Andrea Segreho sempre avuto la sensazione che quei luoghi abbiano il diritto di appartenere al cinema Nella loro luce, nelle loro storie, nella loro lingua. Sono pezzi di Mediterraneo vivo e inaspettato che si incuneano nel cuore della MittelEuropa. Venezia nella sua magnificenza li oscura, li nasconde, ma in fondo ne ha bisogno e a volte, stritolata dai suoi stessi riflettori, li invidia. Per questo ho voluto provare nella vita a portare il cinema a conoscere quei luoghi”.

Chioggia, il progetto “Laguna Sud – Il Cinema Fuori dal Palazzo”

Lontano dalla mondanità di Venezia, protagonista della scena cinematografica mondiale durante i giorni della Mostra, ma che non valorizza realmente il tessuto urbano, sociale e culturale in cui questa popolarità si radica, il progetto “Laguna Sud – Il Cinema Fuori dal Palazzo” di Segre e Gosetti nato nel 2015 propone di dare al cinema d’autore emergente una sede diffusa nello spazio veneziano per portarlo nelle calli più periferiche. Il cinema diventa così patrimonio popolare e strumento di lettura ed interpretazione del mondo che ci circonda.

Le proiezioni si sono tenute all’Auditorium San Nicolò a Chioggia e nel Giardino di Palazzo Grassi. Sono statti presentati i film “Maternal” di Laura Delpero, le raccolte di poesie di Vasco Mirandola “Cento poesie in gioco” e “Volevo solo scriverti accanto” i film “Kitoboy” di Philipp Yuryev e “200 metri” di Philipp Yuryev, il libro “Frattempi moderni” con gli interventi di Francesco Maino, Sandro Frizziero, Elisabetta Tiveron e Cristiano Dorigo, i film “Tutti i nostri affanni” di Davide Crudetti e Paola Di Mitri e “Un giorno La notte” di Michele Aiello e Michele Cattani, il film di Andrea Segre “Molecole”. (e.f.)

Le più lette