Logo testata di vicenza

HomeBreaking NewsChioggiaVela, nel weekend il gran finale, organizzatori fiduciosi per un nuovo record...

ChioggiaVela, nel weekend il gran finale, organizzatori fiduciosi per un nuovo record di iscritti

Grande attesa a Chioggia dove nel corso del prossimo weekend si concluderà la Xª edizione di ChioggiaVela

ChioggiaVela
ChioggiaVela

Grande attesa a Chioggia dove nel corso del prossimo weekend si concluderà la Xª edizione di ChioggiaVela, la rassegna voluta nel 2012 dal Circolo Nautico Chioggia e dal Comune di Chioggia per valorizzare il mare e questo sport, la vela, in una cornice spettacolare, offerta dalla città di Chioggia.

Quando

Sabato 18 settembre, con partenza alle ore 14:30, è infatti in programma il Trofeo Chioggia Vela, main event della manifestazione. Si tratta di una veleggiata aperta a tutte le imbarcazioni monoscafo che saranno suddivise in due categorie: Crociera (vele bianche) e Regata (tutte vele). Una regata aperta a tutti: dai crocieristi dediti al turismo nautico, come a chi si diverte a regatare in assetto più competitivo e spirito agonistico. Una sfida contro imbarcazioni storiche, contro atleti professionisti, ma anche contro il proprio vicino di ormeggio, all’insegna del divertimento, l’amicizia e del rispetto marinaresco.

Ad oggi l’organizzazione dell’evento conta di poter bissare il record di partecipanti registrato lo scorso anno, quando furono ben 48 le imbarcazioni presenti sulla linea di partenza, situata dinnanzi la spiaggia di Sottomarina.

Dove

La rassegna di vela a Chioggia
La rassegna di vela a Chioggia

Postazione privilegiata per godersi lo spettacolo della regata sarà senza dubbio la diga forenea Sud del Porto di Chioggia, che per l’occasione potrà trasformarsi in una vera e propria tribuna e nei pressi della quale verrà posizionato l’arrivo.

Tra i pretendenti alla vittoria dell’edizione 2021 vi è di diritto il Delta 120 “Artemisia” di Giorgio Penzo, vincitore della passata edizione che dovrà vedersela con l’IMX 40 “Hacker X” di Bevilacqua Michele, vincitore sabato scorso della Bart’ Bash, determinato a realizzare un bis di successi finora riuscito a nessuno. Certo è che i pronostici della vigilia verranno molto influenzati da quelle che saranno le condizioni meteo, ecco perché non sono da escludere da un potenziale podio anche le imbarcazioni più leggere, come ad esempio il Melges 24 “Adriatica” di Desirò Damiano o l’Ufo 22 Oca Gialla vincitore nel 2019.

Immancabile anche l’equipaggio di Tuttachioggiavela, capitanato da Davide e Claudio Ravagnan con Giuseppina Clori Boscolo che a bordo vedrà la presenza di tre atleti Special Olympics.

Meteor al Crepuscolo

Alle 18 il bacino di Vigo ospiterà la Meteor al Crepuscolo, sfida lagunare al tramonto a bordo di imbarcazioni classe Meteor con arrivo dinnanzi Piazza Vigo, nel salotto della città di Chioggia. Grande favorito della vigilia è Asiatyco, il meteor del presidente del Circolo Nautico Chioggia Corrado Perini, che vanta già cinque successi nell’albo d’oro. Asiatico se la dovrà vedere con Engy di Stefano Pistore, vincitore della prima (2012) e della terza (2014) edizione.

Barche a vela
Barche a vela

La decima edizione di ChioggiaVela si chiuderà domenica 19 settembre con appassionanti sfide lagunari all’interno del bacino di Vigo grazie al Trofeo Meteorsharing. A seguire, alle ore 18 nella sede del Circolo Nautico Chioggia la cerimonia di premiazioni.

ChioggiaVela è organizzata dal Circolo Nautico Chioggia e dal Comune di Chioggia, con la collaborazione della Pro Loco Chioggia Sottomarina e  di VelaVeneta, mentre collaborano per la miglior riuscita della kermesse la Lega Navale Italiana – Sez. Chioggia, la Lega Navale Italiana – Sez. Padova, Il Portodimare, lo Yacht Club Vicenza, Yacht Club Padova, I Venturieri e TuttaChioggiaVela. Parter della manifestazione sono: Darsena Le Saline, Porto Turistico San Felice, Darsena Mosella, Meteorsharing, Best Western Hotel Bristol, Panathlon Chioggia, l’associazione ONDA. La manifestazione gode del patrocinio del comune di Chioggia, dell’Università di Padova e del dipartimento MAPS dell’Università di Padova.

Le più lette