Notizie
HomeVenezianoCavarzereCona: Tari, incentivi e riduzioni fino al 50 per cento per le...

Cona: Tari, incentivi e riduzioni fino al 50 per cento per le famiglie in difficoltà

Dall’opposizione Intesa per Cona smorza gli entusiasmi: “La differenza derivante dagli aumenti scongiurati sono pagati dal Comune”

Tari

“A settembre arriverà la bollettazione della Tari, abbiamo promosso degli incentivi per venire incontro alle famiglie in difficoltà che potranno fare domanda per avere una riduzione del 50%; ma abbiamo cercato di andare incontro anche agli esercenti e artigiani con degli incentivi Covid” ha dichiarato il primo cittadino di Cona, Alessandro Aggio

 “Il sindaco dichiara che ha scongiurato gli aumenti, – osserva il gruppo consiliare d’opposizione Intesa per Conama non dice che il Comune sta pagando la differenza con fondi propri; infatti l’esborso del Comune a Veritas di circa 115mila euro per gli ultimi tre anni sottrae, di fatto, finanze per asfaltare strade comunali, o per potenziare la rete di scarico delle acque bianche nel centro di Pegolotte”. 

Non ci sta Aggio, che precisa: “Durante tutti questi anni non era mai stata fatta una ricalibrazione per il pagamento in base metri quadri, con la conseguenza che non era proporzionato il pagamento – ha sottolineato il sindaco -. Facendo questa nuova ripartizione, quindi ricalibrando i metri quadri reali alla nuova bollettazione, per il futuro sono stati scongiurati nuovi aumenti. Tuttavia questo non vale per il passato, poiché Arera ha voluto il ricalcolo retroattivo. Il Comune doveva quindi decidere se richiedere la differenza della ripartizione degli anni passati ai cittadini (mettendo la differenza a carico nei prossimi anni), o se mettere la differenza utilizzando le proprie risorse, cosa che è stata fatta per non creare ulteriori disagi”. 

“Mi dispiace infine informare i cittadini – ha concluso il sindaco – che Infrastrutture Venete ci ha scritto una lettera nella quale ci ha chiesto di controllare i pini che sono posizionati lungo il viale della stazione poiché la loro altezza è superiore alla distanza dei binari, e quindi non a norma. Abbiamo in programma di far eseguire un controllo per scongiurare il taglio che però, purtroppo, potrebbe essere necessario”. 

Erika Masiero 

Le più lette