Logo testata di vicenza

HomeBreaking NewsPiù autobus e controlli per il ritorno a scuola in provincia di...

Più autobus e controlli per il ritorno a scuola in provincia di Rovigo

Più corse degli autobus, controlli alle fermate e personale di terra per assistere gli studenti: è quanto è stato definito oggi in un incontro in Prefettura a Rovigo

Il Prefetto di Rovigo

Un incremento delle corse da parte dei gestori del trasporto pubblico locale, l’impegno delle polizie locali ad assicurare la propria presenza presso le fermate più critiche con compiti di controllo del rispetto delle misure di prevenzione anti-Covid e di regolazione del traffico, la presenza di personale a terra con compiti di canalizzazione e assistenza alle persone per la salita e la discesa dai mezzi a cura delle aziende di trasporto pubblico locale. I Comuni potranno impiegare personale volontario a supporto del personale di terra. È quanto è stato stabilito dal Tavolo di coordinamento scuola-trasporti presieduto oggi dal Prefetto di Rovigo Clemente Di Nuzzo. All’incontro hanno partecipato rappresentanti della Regione Veneto, della Provincia, dei Comuni, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, della Motorizzazione Civile e dei Gestori del servizio di trasporto pubblico locale.

“Nel corso dell’incontro – fa sapere la Prefettura – sono state messe a punto le misure idonee a soddisfare il fabbisogno del servizio trasporto pubblico locale destinato agli studenti tenendo conto del coefficiente di riempimento dei mezzi di trasporto, secondo quanto stabilito dalla vigente normativa. Quest’ultima, infatti, in ragione dell’attuale livello di popolazione vaccinata avverso l’infezione da COVID-19 e in considerazione dei tempi di permanenza medi dei passeggeri sui mezzi, prevede che in “zona bianca” la capienza sulle linee urbane ed extraurbane non superi l’80% dei posti consentiti dalla carta di circolazione.

A tal riguardo, è risultato proficuo l’incrocio dei dati tra l’Ufficio Scolastico Provinciale e le aziende di trasporto pubblico locale al fine di allineare la domanda e l’offerta di trasporto scolastico e quantificare il necessario fabbisogno di corse”.

Le più lette