Logo testata di vicenza

HomeBreaking NewsPonte della Libertà: al via lo studio di fattibilità sul nodo viario...

Ponte della Libertà: al via lo studio di fattibilità sul nodo viario tra Padova, Limena e Vigodarzere

E’ stato affidato l’incarico per il documento di fattibilità tecnica che individui una soluzione alternativa al Ponte della Libertà, tra i Comuni di Limena e Vigodarzere

Vigodarzere, ponte della Libertà
Vigodarzere, ponte della Libertà

Gli uffici della Provincia hanno dato mandato allo studio associato “Logit Engineering” di Castelfranco Veneto (individuato tramite bando MePa) affinché esegua le necessarie indagini sul traffico e definisca come migliorare l’attuale rete di accesso a Padova. 

“Abbiamo dato attuazione all’accordo firmato lo scorso giugno con le Amministrazioni coinvolte – ha spiegato il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui – entriamo nella fase operativa perché entro qualche mese avremo finalmente un quadro preciso che deve tener conto del contesto generale di tutto il quadrante viario a nord di Padova. Parliamo di una delle zone più produttive e trafficate, quindi bisogna individuare la miglior soluzione possibile per far cessare le cause del congestionamento del traffico veicolare sulla viabilità ordinaria che si snoda tra i comuni di Limena e Vigodarzere in direzione di Padova e viceversa”.

Il Ponte della Libertà collega Vigodarzere e Limena sulla Sp 46-dir, unendo i due assi viari della Sp 46 “Brentana” e della ex Ss 47 “Valsugana” in pieno centro abitato a Limena. La struttura presenta da anni problemi di funzionalità non essendo più adeguata al flusso e alle masse dei veicoli, con conseguenti intasamenti di traffico per gran parte della giornata. Lo studio, quindi, individuerà le alternative viabilistiche sostenibili e, successivamente, la soluzione più adatta da realizzare indicando anche le necessità tecniche ed economiche.

 Lo stanziamento per il documento di fattibilità ammonta a poco più di 49mila euro compresi oneri e iva. Il tecnico dovrà concludere il lavoro entro 120 giorni dall’assunzione dell’incarico. 

Le più lette