Logo testata di vicenza

HomeSaluteTra le braccia di Zaky. Il guanto che coccola i bambini nati...

Tra le braccia di Zaky. Il guanto che coccola i bambini nati prematuri, come mamma e papà

Un guanto grande e morbido, capace con la sua forma unica e caratteristica di “simulare” l’abbraccio amorevole di mamma e papà anche quando non sono accanto al neonato.

Guanto Zaky

Il curioso dispositivo in fibra sintetica ipoallergenica si chiama “guanto Zaky” ed è stato donato al reparto di Patologia Neonatale dell’Ospedale di Camposampiero dall’Associazione padovana “Pulcino”, da sempre attiva nel sostegno delle famiglie di bimbi prematuri e dei reparti di terapia intensiva neonatale.

Guanto Zaky: il progetto

Progettato da una mamma statunitense che ha vissuto in prima persona l’esperienza della terapia intensiva neonatale con suo figlio Zachary, cui il dispositivo deve il suo nome, questo guanto così speciale riesce a far percepire ai neonati il calore, il profumo e l’affetto di mamma e papà, contribuendo a rilassare il neonato e a farlo sentire protetto.

La marsupioterapia

In gergo tecnico si parla di “marsupioterapia”: posto all’intero di termoculle o lettini, a contenimento fisico del bimbo prematuro, il guanto riproduce le carezze dei genitori offrendo sensazioni benefiche e piacevoli. La donazione del guanto Zaky acquisisce un significato doppio in questo tempo segnato dalle restrizioni anti-Covid e dalla limitazione delle visite in reparto. Sostituendosi, per così dire, all’abbraccio di mamma e papa, il dispositivo aiuta la termoregolazione del bimbo, lo tranquillizza e abbassa il suo livello di stress, facilitando così il lavoro di cura degli operatori sanitari. Contatto e vicinanza sono fondamentali nell’accudimento dei neonati, specie se prematuri, e in questo senso il guanto Zaky rappresenta letteralmente una mano in più.

Le più lette