venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVicentinoVicenzaVicenza, dal 1° ottobre tornano le limitazioni al traffico per le norme...

Vicenza, dal 1° ottobre tornano le limitazioni al traffico per le norme antismog

Tempo di lettura: 2 minuti circa

I limiti valgono nei giorni feriali dalle 8.30 alle 18.30. Possono circolare i veicoli euro 4 diesel

Dal 1° ottobre tornano in vigore, in centro storico a Vicenza e nei quartieri della prima cintura urbana, le disposizioni antismog.

Come informa una nota del Comune, da lunedì a venerdì, festivi esclusi, dalle 8.30 alle 18.30, in centro storico e nei quartieri della prima cintura urbana, indipendentemente dal livello di inquinamento dell’aria (livello verde) non potranno circolare i veicoli privati (M1, M2, M3) benzina  Euro 0, 1 e diesel euro 0, 1, 2, 3; i veicoli commerciali (N1, N2, N3) benzina euro 0, 1 e diesel euro 0, 1, 2, 3; i ciclomotori e motoveicoli (da L1 a L7e) non catalizzati, immatricolati prima dell’1/1/2000 e non conformi alla direttiva 97/24/CE e i ciclomotori e motoveicoli euro 0.

Viene rinnovato inoltre il permesso a circolare in allerta verde per i veicoli privati euro 4 diesel e commerciali euro 4 diesel per tutto il periodo dello stato di emergenza per il Covid-19, indicata fino al 31 dicembre 2021.

Il blocco delle auto sarà in ogni caso sospeso nel periodo natalizio, dal 24 al 31 dicembre compresi.

Oltre al centro storico, sono, come sempre, compresi nel blocco i quartieri di Laghetto, San Pio X, San Bortolo, Quartiere Italia, San Francesco, Sant’Andrea, San Lazzaro, Santa Bertilla, Villaggio del Sole, Santi Felice e Fortunato e parte dei quartieri della Stanga (lato San Pio X) e di Saviabona.

“È un sacrificio importante – afferma l’assessore all’ambiente Simona Siotto – e ne siamo tutti consapevoli. Occorre però fare uno sforzo collettivo, sia privato che pubblico, rispetto al quale mi impegnerò al massimo, per recuperare tanti anni perduti e cercare così di sistemare una delle maggiori piaghe ambientali, che ci riguarda collettivamente, ovvero un’aria davvero poco sana, per noi e per le future generazioni, peraltro sempre più fragili da questo punto di vista”.

 
 
 

Le più lette