Notizie
HomeVicentinoVicenzaVicenza, la birra "Smidollata" di Ofelia punta alla donazione del midollo osseo...

Vicenza, la birra “Smidollata” di Ofelia punta alla donazione del midollo osseo e del sangue

Realizzata per l’associazione presieduta da Davide Stefani e Sandro Pupillo “Aiutaunosmidollato”

La birra Smidollata del birrificio Ofelia

La Smidollata è disponibile anche in lattina

Si chiama “Smidollata” la birra che Andrea Signorini e Lisa Freschi, marito e moglie ma anche soci della birreria Ofelia a Sovizzo, hanno creato per l’associazione “Aiutaunosmidollato”, da tempo impegnata sul fronte della sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo e sangue.

Sensibili alle tematiche legate all’ambito sociale, negli ultimi due natali Andrea e Lisa hanno collaborato con l’associazione per condividere importanti campagne informative riguardanti appunto le donazioni.

Grazie all’amicizia di lunga data con Sandro Pupillo, fondatore dell’associazione, e al feeling che si è creato immediatamente con Davide Stefani, presidente di Aiutaunosmidollato, i fondatori di Ofelia hanno voluto realizzare una birra ad hoc per l’Associazione.

“È una birra – spiegano – non filtrata e non pastorizzata, di medio grado alcolico, molto beverina e con un ingrediente particolare: l’arancia sanguinella. Questo ingrediente è stato scelto sia per richiamare il tema della donazione di sangue e midollo osseo sia perché conferisce alla birra un sapore del tutto particolare, molto piacevole”.

Tra gli ingredienti anche l’arancia sanguinella che dà alla birra un sapore particolare

Il direttivo dell’associazione, con Sandro Pupillo e Davide Stefani assieme ad Andrea Signorini, primo a sinistra

“Quando lo scorso Natale – raccontano Davide Stefani e Sandro Pupillo, accompagnati dagli altri membri del direttivo Annarita Gresele, Francesca Bedin e Stefano Pavan – siamo venuti in birreria per gli auguri pra, si era fatta una battuta sulla possibilità di creare una birra per l’associazione. Tempo qualche mese e quella che era stata una semplice battuta è diventata una splendida realtà”.

“Ci auguriamo – aggiungono – che questa birra possa essere un ulteriore modo per trasmettere a sempre più giovani il messaggio per noi più importante ovvero quello del donarsi, diventando potenziali donatori di midollo osseo”.

Presto sulla pagina facebook dell’Associazione verranno comunicate molte delle date in cui, attraverso una serie di “aperitivi solidali”, si potrà assaggiare la Smidollata, peraltro acquistabile direttamente da Ofelia a Sovizzo.

La somma di denaro ricavata dalla vendita della Smidollata, dedicata a Guido Mianzan, amico e socio di “Aiutaunosmidollato” scomparso negli scorsi mesi a causa di una patologia ematologica, sarà come sempre interamente devoluta a sostegno del reparto di ematologia dell’ospedale san Bortolo.

Le più lette