Logo testata di vicenza

HomeVicenzaVicenza, la Finanza: "Controlleremo le acquisizioni da Paesi come Svizzera, Olanda, Lusseburgo"

Vicenza, la Finanza: “Controlleremo le acquisizioni da Paesi come Svizzera, Olanda, Lusseburgo”

Il colonello Virgilio: “Vigileremo perché queste acquisizioni non siano… partite di giro”

Il colonnello Cosmo Virgilio in un’immagine d’archivio

All’incontro in Camera di commercio sul nuovo portale che definisce la presenza di capitali stranieri nelle aziende vicentine, era presente anche il colonnello Cosmo Virgilio, da un mese nuovo comandante provinciale della Guardai di Finanza. Il colonnello ha 47 anni, sposato, due figli, proviene dal Nucleo speciale di polizia valutaria di Roma. In queste veste ha seguito anche le vicende delle banche venete, fra le altre.

In precedenza il colonnello ha rivestito incarichi di comando in reparti operativi in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, tra cui il nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, e ha prestato servizio allo stato maggiore del Corpo al III reparto operazioni del comando generale.

Il colonnello, al termine dell’incontro, ha rilasciato alcune dichiarazioni che puntano a garantire che la Finanza mantiene il controllo sul territorio e sull’economia. “Quando vediamo aziende stranieri che acquistano, ci preoccupiamo che queste operazioni avvengano nel rispetto delle regole della concorrenza sui mercati. Queste acquisizioni, infatti, sono un trasferimento di ricchezza all’estero e dobbiamo accertarci che queste risorse non siano delle… partite di giro”.

Il riferimento del colonnello, sempre in linea teorica e slegato da casi locali, come tiene a precisare, riguarda il caso di chi, magari costituendo una società all’estero viene in Italia a comprare la propria azienda con il solo obiettivo di avere la sede legale in un Paese nel quale paga meno tasse.

“Finché vedo che i Paesi di provenienza di queste aziende che aquistano nel Vicentino sono Germania, Francia o Regno Unito, sono abbastanza tranquillo. Quando vedo invece la provenienza da Paesi Bassi, Lussemburgo e Svizzera… beh, vorrei fare un approfondimento”.

Vorrebbe, colonnello, o lo farà? Il colonnello non ci gira attorno, non si rifugia dell’ipotetica dell’irrealtà e promette che la Finanza andrà a verificare le operazioni che sono targate da questi Paesi.

Le più lette