Logo testata di vicenza

HomeRodiginoAdriaAdria: una mozione per lo scioglimento dei gruppi neofascisti ed estremisti no...

Adria: una mozione per lo scioglimento dei gruppi neofascisti ed estremisti no vax

No vax e neofascisti: una mozione da Adria al Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Interno

Sara Mazzuccato
Sara Mazzuccato

Approderà nel prossimo Consiglio Comunale di Adria la mozione, già condivisa dalla maggioranza civica con i consiglieri di minoranza Cavallari e Spinello, per chiedere al presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro degli Interni di attivare le procedure presenti nella costituzione e previste dalle leggi dello stato per arrivare il prima possibile allo scioglimento di Forza Nuova e di tutte le associazioni di chiara ispirazione neofascista.

Mozione contro neofascisti e no vax: ad Adria tutti d’accordo

Enrico Bonato
Enrico Bonato

Una unione di intenti tra alcune delle forze politiche che compongono il consiglio comunale adriese, maturata in seguito agli attacchi di squadrismo armato organizzati da Forza Nuova e da altri gruppi neofascisti ed estremisti no vax, avvenuti lo scorso sabato a Roma e a Milano. Assalti mirati alla sede nazionale della Cgil e tentativi di attacco ai palazzi delle maggiori istituzioni nel nostro ordinamento democratico, tra cui palazzo Chigi.

No a neofascisti e no vax: il Comune di Adria risponde così

A redigere in prima battuta la proposta di mozione i consiglieri di minoranza Lamberto Cavallari, del gruppo coalizione Cavallari 2.0 e Sandro Gino Spinello, capogruppo per il Partito Democratico. Un atto ampiamente sostenuto dalle tre liste civiche Siamo Adria, Adria Civica e Ibc, che hanno così tradotto in atto ufficiale, il comunicato stampa diffuso ai media, domenica scorsa, dal Movimento Civico Impegno per il Bene Comune.

Articoli correlati

L’attacco alla Cgil di Roma, la condanna di Vinova nelle parole di Tosetto

“Atto di squadrismo fascista” alla Cgil di Roma: a Vicenza domani le sedi sono aperte

Vicenza, il sindaco Rucco e il consigliere regionale Possamai esprimono solidarietà alla Cgil

Treviso, dopo i fatti di Roma, la CGIL ha tenuto aperta la sede di domenica

Le più lette